Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Circo Orfei bloccato a Lugano:«Non sappiamo dove andare»

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Circo Orfei bloccato:
«Siamo disperati, non sappiamo dove andare»

Circo Orfei bloccato: Â&laquoSiamo disperati, non sappiamo dove andare»

Il promotore Davide Trentini parla di sospette pressioni giunte dalla Svizzera interna: «Ci impediscono di lavorare, il certificato andava bene»

 

LUGANO – Colpi di scena e pathos sono parte integrante dell&rsquoesperienza circense, ma quelli di giovedì sera di certo non sono piaciuti ai diretti interessati. Non senza una certa teatralità, poco prima dell&rsquoinizio dello spettacolo nello sterrato della Gerra a Lugano alle 19.30, al debutto della tournée ticinese, la Polizia cantonale è intervenuta per vietare le esibizioni del Circo italiano Orfei (in Italia sotto insegna «Rolando Orfei» e da non confondersi con il Circo Moira Orfei). Il motivo? Non aveva i necessari permessi a livello di sicurezza. Di diverso avviso il promotore Davide Trentini, che parla di sospette pressioni giunte dalla Svizzera interna: «Ci impediscono di lavorare, il nostro certificato di collaudo prima andava bene, poi non più».

Già nella giornata di mercoledì, riferisce la Polizia, era stata intimata ai responsabili la decisione, di competenza del Servizio autorizzazioni, commercio e giochi, relativa al mancato rilascio della necessaria autorizzazione per l&rsquoesercizio dell&rsquoattività di baracconista o di impresario circense in Ticino. Questo poiché, spiegano le forze dell&rsquoordine, non sussistono attualmente i requisiti per il suo rilascio. In particolare, il circo non dispone di un valido attestato relativo alla sicurezza dei suoi impianti. Infatti, in base dell&rsquoOrdinanza sul commercio ambulante, il richiedente deve dimostrare che la sicurezza degli impianti utilizzati sia stata controllata da un organismo di ispezione autorizzato dal Servizio di Accreditamento Svizzero (SAS) o riconosciuto dalla Svizzera nell&rsquoambito di un accordo internazionale. «Venendo a cadere questi presupposti e vista la mancata volontà dei responsabili nel voler rispettare la decisione», per la Polizia si è reso necessario l&rsquointervento volto a impedire lo svolgersi degli spettacoli, non solo per le quattro serate luganesi ma anche per quanto riguarda le altre tappe previste su suolo ticinese (vale a dire Locarno, Faido, Biasca e Bellinzona), almeno fino all&rsquoeventuale ottenimento di tutti i necessari permessi. Contro la decisione, comunicano le autorità, è data facoltà di ricorso, privo di effetto sospensivo, al Consiglio di Stato.

Da noi contattato, il promotore del circo Davide Trentini ha raccontato una storia diversa, per certi versi grottesca: «Quando abbiamo deciso di venire a lavorare in Svizzera ci siamo informati sulle procedure presso tutti i Comuni interessati. Abbiamo presentato loro il nostro libro tecnico e il certificato di collaudo italiano. Per i Comuni, i pompieri e la Polizia andava bene, almeno fino a settimana scorsa, quando il Cantone ci ha contattato e ci ha detto che l&rsquounico modo per avere l&rsquoautorizzazione a esercitare era di far collaudare la struttura in Svizzera. Ci hanno indirizzati a una ditta di Wallisellen. Quando siamo arrivati lì abbiamo però scoperto che era chiusa da due anni. Alternative non ce n&rsquoerano, così il Cantone ci ha detto di fare il collaudo in Germania, cosa di per sé assurda dato che a quel punto anche il collaudo italiano poteva andare bene. Abbiamo comunque contattato delle ditte, che ci hanno detto che ci volevano tre mesi. È un cane che si morde la coda, e intanto ci hanno imposto il blocco».

Il sospetto del nostro interlocutore è che tutto sia nato da pressioni da parte di un&rsquoassociazione circense della Svizzera tedesca. «La Svizzera – sottolinea – è po&rsquo un monopolio. In settant&rsquoanni vi si sono esibiti solo due circhi stranieri. Noi saremmo stati i terzi». La mancata abilitazione a proporre lo spettacolo comporta la perdita di una ventina di giorni lavorativi per il circo: «Siamo disperati, non sappiamo dove andare – ha detto Trentini. – Siamo letteralmente in mezzo a una strada perché non abbiamo un ricovero invernale, essendo in tour tutto l&rsquoanno. Siamo 70 famiglie, con bambini piccoli e animali, e non sappiamo come muoverci. Chiediamo aiuto a chiunque possa darcelo, sia per avere indicazioni, sia per capire se potremo lavorare. È assurdo che questo capiti proprio in Svizzera: una soluzione la si poteva trovare».

Il Circo italiano Orfei esiste in varie forme dal 1972, fondato dalla famiglia Coda Prin. La famiglia Orfei vi entra nel 1984 (oggi vi si esibisce tra gli altri Lara, la figlia di Moira). I biglietti per la serata annullata sono già stati rimborsati, e lo stesso accadrà per le prenotazioni per i prossimi spettacoli, se effettivamente non si faranno.

 

 

Da www.cdt.ch del 10/05/19

10/05/2019 8.50.57

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.