Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

MODELLISMO CIRCENSE: Preiser und Faller

 

Per la scala 1-87 il marchio Preiser forse è tra i più importanti per quanto riguarda il circo. Ma prima di parlare di Preiser, mi sposto, sempre in Germania, a Gütenbach dove negli anni 40 nacque una piccola ditta che produceva edifici di montagna, souvenir per turisti. Un giorno qualcuno si accorse che vicino ad un trenino questi edifici creavano una città e prese il via una linea di scatole di montaggio che portò la ditta Faller al successo che ha conosciuto negli anni successivi.

Nell’ultimo decennio Faller ha dedicato pagine del proprio catalogo ai mestieri del luna park, alcuni statici altri in movimento, inoltre dedicato attenzioni particolari all’illuminazione, dai fari per giostre ai più raffinati leds.  Oggi é possibile vedere in un plastico un operaio intento a saldare con tanto di lampi della fiamma ossidrica grazie a Faller. La stessa ditta fu la prima a creare un edificio con un movimento, si trattava di un mulino a vento. Negli anni Faller ha prodotto, o commercializzato,  diversi tipi di motori, ciascuno con la propria velocità, quindi animare giostre in movimenti è stato quasi un gioco.

Torniamo a Preiser, ditta affermata in campo fermodellistico e molto utilizzata da architetti per la realizzazione di plastici dimostrativi. Se si guarda con attenzione il catalogo, si noterà quante figure umane anonime siano presenti nelle scale più svariate, fino ad arrivare alla piccolissima 1-500. Come sia nata l’idea di sviluppare un programma dedicato al circo, non so dirvelo, posso ipotizzare. Presumo si sia cominciato con i kit più venduti da Preiser ( dall’art. 20005 al 20008).

Poi la cultura circense di oltralpe ha fatto il resto. Figurini, personaggi, animali, tutto era ed è presente nel catalogo Preiser per i modellisti circensi, poi sono arrivate le carovane finite, già dipinte, pronte per l’uso. 

Principalmente sono stati 3 i circhi riprodotti da Preiser: Knie, Sarrasani, Krone, ed il top della produzione si è raggiunto la creazione di uno chapiteau realizzabile chiuso,o con una parte aperta per lasciar vedere l’interno. Nella confezione sono presenti anche le scuderie per gli animali e la grande facciata del circo.

Acquistare uno chapiteau Preiser significa poi acquistare le carovane, i personaggi, gli animali; Insomma, se hai la passione del circo, Preiser fa per te. Nel caso dello chapiteau Krone ci sarebbe qualcosa da dire, ma ci ritornerò nella puntata dedicata al colosso tedesco.

Nel catalogo Preiser poi sono presenti tanti accessori per la ferrovia che si sposano anche con il circo, le transenne giusto per fare un esempio. Nel corso degli anni Preiser ha collaborato anche con ditte come Roco, Fleischmann, Marklin, per realizzare set ferroviari con pianali fermodellistici e carovane Preiser.

Per capire meglio cosa sia la ditta Preiser invito a visitarne il sito e scaricare i cataloghi in formato pdf.  (consultabili sul sito www.preiserfiguren.de)

In una grande città, oltre al  circo, una fiera comprende anche un grande luna park, e qui ci vien in aiuto Faller.

Recentemente i kits di giostre sono aumentati al pari delle vendite, sarà che non tutti amano il circo o forse perché da bambini siamo andati prima sulla giostrina poi al circo. Faller come detto in precedenza, ha dedicato una parte importante del catalogo alle giostre; Dalla semplice giostrina alle montagne russe, dai tiri a bersaglio all’autoscontro. Nel 70% dei casi questi kit possono essere motorizzati quando non lo sono già nella confezione di partenza, insomma, c’è solo da decidere cosa inserire nel nostro luna park.

 

Solo pochi consigli prima di cominciare il montaggio della nostra giostra. Principalmente non avere fretta di finire, quindi fare molta attenzione in quei punti dove ci sarà un perno o anello di movimento, fare attenzione che una sbavatura non comprometta il movimento stesso.

Infine, ma questa è una mia fissazione, a parer mio le giostre Faller sono molto “plasticose” , consiglierei di ridipingerle con una vernice opaca per uso modellistico, smalto o acrilico non ha importanza.

Maurizio Tramonti

Le immagini provengono dai cataloghi Preiser e Faller

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »