Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

LA CRISI DEL ROYAL CIRCUS SVIZZERO

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

– SVIZZERA –
Salari non pagati, lavoratori impiegati illegalmente, animali trascurati: gli artisti sollevano gravi accuse contro il proprietario del Royal Circus

Die Krone h&aumlngt schief: &Uumlber dem Circus Royal sind dunkle Wolken aufgezogen.

Dietro alle quinte del il polverone si stanno alzando: diversi artisti accusano il regista Oliver Skreinig di non averli pagati o di averli pagati solo in parte. Il circo ha anche impiegato illegalmente lavoratori moldavi. Si dice che il direttore alla fine di novembre sia scappato lasciando il circo senza darne notizia. Ora gli artisti combattono per i loro soldi.

Gli artisti circensi vengono pagati settimanalmente. Nel cosiddetto giorno di fermo vanno alla segreteria del circo e ricevono i salari (per lo più modesti) per il loro duro lavoro. È stato lo stesso con il Circus Royal – almeno fino a questa stagione. Perché nel 2019, né gli artisti né altri impiegati del circo hanno ricevuto regolarmente il loro intero salario, come sostengono diversi dipendenti con il “Tagblatt”.

Eine Szene aus besseren Tagen: Das volle Circus-Royal-Zelt bei der Premiere in Weinfelden.

Alcuni stipendi sono stati pagati solo parzialmente, altri dipendenti stanno ancora aspettando tutti i loro soldi. E questo è solo l’inizio, come dimostra la ricerca. Dopo una stagione disastrosa, il Circus Royal è sull&rsquoorlo del fallimento. E il Direttore Oliver Skreinig si nasconde. Il capitano è stato il primo a lasciare la nave.

I dipendenti segnalano sfruttamento e cattiva gestione

Gli artisti ammaccati reagiscono. Molti di loro – alcuni provengono da altri paesi europei – ne hanno abbastanza, vogliono parlare e svelare cosa succedeva in realtà al circo. Le loro storie coincidono: i dipendenti raccontano dello sfruttamento dei lavoratori, della cattiva gestione e delle richieste eccessive della direzione del circo.

“Il fatto che ci siano stati arretrati di remunerazione fino a cinque mesi non è nemmeno la punta dell’iceberg”, afferma un artista che vuole rimanere anonimo per paura della repressione. L’uomo, lo chiamiamo Bruno S. *, ha molta esperienza nel mondo del circo. Ma non ha mai visto nulla di simile a quanto accadeva al Royal Circus. Tuttavia, S. vuole chiarire: «Oliver Skreinig non è una persona cattiva, non ha agito per cattiva volontà. Ma è incapace e ha rovinato il buon nome del Circus Royal con il suo modo di lavorare.»

Das Royal-Schild ist vorerst verr&aumlumt.

La cantante pulì i bagni

Chiunque rivendicasse il proprio salario veniva comunque respinto. Gli artisti erano assunti per esibirsi in pista. “Invece, dovevano lavorare al bar o accogliere il pubblico davanti alla tenda.” I dipendenti vengono così assunti e dichiarati come artisti, ma poi finivano o dietro il buffet del circo o a vendere i gadgets. “Dopo tutto, un cantante era anche responsabile della pulizia dei bagni”, afferma S.

Tatiana V è un’artista che è stata attirata al Circus Royal con false promesse. * In realtà, è una ballerina e viaggia per il mondo con il suo numero. “Al Royal ho dovuto lavorare dietro al bancone.” Continuava a cercare di parlare con la direzione, senza successo: “Siamo sempre stati respinti, stiamo ancora aspettando i nostri soldi”.

Avrebbero contattato il RAV, della città di Kreuzlingen, dove ha sede il circo, e l’Ufficio delle migrazioni di Turgovia. E ora spero di ottenere il mio salario in qualche modo.

Gradinate degli spettatori vuote, promesse vuote

La maggior parte degli spettatori è rimasta comunque lontana dal circo, afferma Tatjana V. “Quando avevamo 50 persone sotto alla tenda, eravamo molto contenti”, conferma Bruno S.. Spesso, non erano nemmeno 20 le persone che pagavano per vedere gli spettacoli. Bruno S. dice: “È parso subito chiaro che il circo non aveva i soldi per pagarci. Ma invece di renderlo trasparente e cancellare il tour, il Direttore ci ha fatto promesse infondate, raccontato solo bugie per prendere tempo.»

A settembre il circo ha fatto la sua comparsa a Kreuzlingen. Skreinig aveva precedentemente assunto moldavi per aiutare a installare e smantellare la tenda da circo. La tenda non era stata ancora completamente eretta quando arrivarono l’ispettorato del lavoro e la polizia.

“Hanno controllato i moldavi e hanno scoperto che non avevano un permesso di lavoro”, afferma Bruno S. La polizia ha arrestato gli uomini e li ha rimandati in Moldavia. &ldquoGli uomini hanno lavorato duramente, non sono stati pagati, quindi sono stati arrestati e sono stati banditi dall’UE per due anni. È senza scrupoli», afferma.

La polizia cantonale di Turgovia conferma gli arresti. Gli artisti hanno infine piantato e spiantato loro stessi la tenda da circo. “Non avevamo altra scelta”, afferma S. Senza tendone non ci sarebbero stati paganti. E niente soldi senza un pubblico. La polizia cantonale di Turgovia ha confermato l’operazione su richiesta: “La polizia cantonale del Turgovia ha effettuato un controllo presso il Royal Circus di Kreuzlingen il 17 settembre 2019 su richiesta dell’Autorità per il mercato del lavoro presso l’Ufficio degli affari economici e del lavoro”. E il portavoce dei media Andy Theler ha dichiarato:”Quattro cittadini moldavi senza un permesso di lavoro valido sono stati arrestati”. Ma non solo gli umani hanno passato momenti difficili durante la stagione 2019, anche gli animali non se la sono passata bene. Secondo l’ordinanza sul benessere degli animali, animali come cammelli, lama e cavalli possono essere trasportati per un massimo di otto ore, comprese le pause. “Gli animali erano a volte nei trasportatori per 35 ore consecutive nei giorni di trasporto”, afferma Bruno S. Ciò gli ha fatto male. Perché non lo ha denunciato presso l’ufficio veterinario? «Perchè gli animali sarebbero stati sequestrati. E se non ci fosse trovato un posto per loro, sarebbero stati soppressi. E io non volevo questo.»

Die L&oumlwennummer des Circus Royal war umstritten.

Il direttore del circo è scappato nel cuore della notte   

Anche durante il tour, gli artisti si rendono conto che il Circus Royal non sta andando bene. Trascorrono novembre nel Vorarlberg. Quindi, secondo Bruno S. e Tatjana V., c’è stato uno scandalo a Dornbirn: «Avevamo 15 persone nella tenda. Gli artisti hanno dichiarato: Ci stavamo ancora esibendo, quando un membro dello staff di Skreinig si è avvicinato agli artisti affermando che Skreinig aveva deciso di annunicare un guasto. “Abbiamo finito la nostra performance e poi siamo tornati nelle nostre roulotte.” All’improvviso, alle tre e mezza del mattino, un artista ha sentito un motore avviarsi. Bruno S. dice: “Skreinig e il suo segretario sono scappati lasciandosi tutto alle spalle, nel cuore della notte”.    Tutto il materiale è stato lasciato abbandonato per giorni, gli animali sono stati lasciati sotto alle scuderie. “Pochi giorni dopo, sono stati raccolti e portati in un parco di divertimenti a Roggwil BE.”Dopo l’improvvisa partenza di Skreinig, i dipendenti ammalati del circo si erano occasionalmente ribellati. S. dice: “Alcuni hanno persino minacciato di volere bruciare la roulotte del Direttore.” Fortunatamente, non sono arrivati a fare tanto. Bruno S. e Tatjana V. stanno ora esaminando il da farsi insieme agli altri artisti e impiegati del circo per ottenere i soldi dovuti.

Skreinig non è raggiungibile

Cosa dice il direttore del circo Oliver Skreinig a proposito delle accuse dei suoi dipendenti? Il “Tagblatt” ha provato a contattarlo su vari canali – senza successo. I vari numeri di cellulare elencati sul sito Web del Circus Royal non sono validi o sono temporaneamente interrotti.

Questo vale anche per il numero del responsabile Media, che può essere trovato sulla homepage del “Royal”. Il direttore del circo non può essere raggiunto su altri numeri di cellulare. Anche un messaggio inviato attraverso Facebook a Oliver Skreinig non ha avuto riscontro durante il fine settimana.

Non sono queste le prime notizie negative

Insufficienza zootecnica e problemi di denaro: The Circus Royal fa ripetutamente notizia negativa. Nell’estate del 2018, la notizia ha attirato l’attenzione sul fallimento della società operativa del “Royal”. Il regista Oliver Skreinig ha poi dichiarato di non sapere nulla dei problemi finanziari. Ciò nonostante il fatto che detenesse una partecipazione del 50% nella società operativa.

Poco prima del fallimento, Skreinig fondò una nuova società: Circus Royal GmbH. È stato in grado di continuare il tour dopo la rottura del legame con il suo socio di lunga data Peter Gasser.

Nel luglio 2018, Skreinig si era dichiarato molto ottimista durante un&rsquointervista al «Thurgauer Zeitung» per quanto riguarda il futuro del Circo:

«La nuova società è pulita dai debiti. Potremmo avere tre o quattro fatture aperte, ma sono ancora tutte entro la scadenza di pagamento.»

A febbraio 2019, il Circus Royal aveva avuto grande risalto sui giornali con la notizia dell&rsquo ingaggio di un numero di leoni. Seguì una tempesta di indignazione, in particolare dai circoli di protezione degli animali. Skreinig ha detto alla «TZ»: «Ci sono molte più persone che visitano il circo e che si godono gli animali. I critici scelgono specie animali che suscitano emozioni e che possono sfruttare.»

La svolta poi è arrivata in estate: Il Circus Royal ha eliminato di nuovo i leoni dal programma – per motivi economici e non per il benessere degli animali, come affermava allora Skreinig.

Multato a Schaffhausen per cattiva stabulazione degli animali

Lo scorso settembre è giuta poi la notizia che il Circus Royal nel Canton Schaffhausen era stato multato. Contesto: nei quartieri invernali, le norme sulla zootecnia non erano state rispettate, come riportato dallo “Schaffhauser Nachrichten”.    Ad esempio, lama, cavalli e animali apparentemente venivano tenuti nella tenda con poca luce. Inoltre, mancava il permesso di detenere gli animali. Skreinig è stato multato di CHF 800. Secondo il rapporto, il Direttore ha negato la mancanza di cura degli animali e ha criticato il fatto che i veterinari cantonali non avevano familiarità con la custodia degli animali da circo. Alla fine ha comunque pagato quanto dovuto.

Da www.tagblatt.ch del 16/12/19

Per leggere l&rsquoarticolo in lingua originale

CLICCATE QUI

16/12/2019 15.07.43

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.