Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Con «Gibbon» il circo sembra una coreografia di Pina Bausch

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Con «Gibbon» il circo sembra

una coreografia di Pina Bausch

 

Con &laquoGibbon» il circo sembra una coreografia di Pina Bausch

 

Lo spettacolo di Chris Patfield e José Triguero della compagnia britannica Gandini Juggling, premiato al Fringe Festival di Edimburgo, apre la nuova stagione allo Spazio Flic

All&rsquoinizio può sembrare un&rsquoesibizione di danza classica, subito dopo si trasforma in un incontro tra animali feroci. Benvenuti al circo, il regno delle trasformazioni. Questa sera alle 21, allo Spazio Flic di via Niccolò Paganini debutta in prima nazionale «Gibbon», lo show degli artisti Chris Patfield e José Triguero prodotto dalla storica compagnia britannica Gandini Juggling, fondata nel 1992 e ispirata a Pina Bausch e al suo Tanztheater. Considerato uno dei migliori spettacoli di danza della scorsa edizione del Fringe Festival di Edimburgo, la manifestazione delle arti più grande e famoso del mondo, la serata di domani apre la nuova stagione di spettacoli della scuola di circo torinese.

 

Non solo performance di giocoleria, ma anche teatro fisico, molto fisico, contorsioni e acrobazie selvagge, danze e suoni. Patfield e Triguero si muovono all&rsquointerno di un piccolo quadrato eppure sembrano capaci di eseguire ogni gesto: i loro corpi possono fare miracoli. All&rsquoinizio, i due performer, che sono anche i coreografi di questo spettacolo, rimangono fermi a chiacchierare. Ma le loro parole risultano volutamente incomprensibili al pubblico, per dimostrare che non bastano quasi mai. Molto meglio aprire le danze.

 

È allora che comincia lo spettacolo vero e proprio, braccia e gambe che si muovono in sincronia compiendo acrobazie e contorsioni ed esaltando il potere del corpo umano.

 

La colonna sonora scelta da Benji Bouton e Kevin Toublant e il progetto illuminotecnica di Guy Dickens non fanno altro che risaltare i protagonisti della scena, il loro sudore e i loro muscoli.

 

«Gibbon» è un inno alla fisicità e alla libertà, ed è proprio questo il motivo per cui è stato scelto per aprire il nuovo anno di spettacoli di Flic, la Scuola di Circo creata nel 2002 dalla Reale Società Ginnastica, l&rsquoassociazione sportiva più antica d&rsquoItalia che quest&rsquoanno ha festeggiato i cento anni di attività ottenendo il miglior punteggio in assoluto da parte del Ministero dei Beni culturali tra i progetti di formazione circense.

 

A partire da domani e fino al 28 giugno 2020, nell&rsquoex hangar del quartiere Barriera di Milano creato per sviluppare l&rsquoattività di formazione, produzione e creazione artistica, andranno in scena ventotto spettacoli, con produzioni proprie ma anche compagnie internazionali.

 

Tra gli appuntamenti in programma, oltre alle serate di «Circo in Pillole» in cui saliranno sul palco gli allievi dell&rsquoaccademia, il prossimo 23 febbraio sul palco di via Paganini salirà anche Claudio Stellato con «Work» e, il 18 aprile 2020, la compagnia «Circo El Grito» si esibirà al Teatro Concordia di Venaria Reale con «Johann Sebastian Circus».

 

Lo spettacolo di questa sera è presentato in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo, il biglietto intero costa 12 euro, 8 euro il ridotto per i bambini.

 

Da www.torino.corriere.it/

03/11/2019 11.14.22

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.