Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: «Niente spettacolo se il circo non paga»

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

IL SINDACO HA DECISO

Gavardo: «Niente spettacolo se il circo non paga»

 

GAVARDO – Può un circo esibirsi in una pubblica piazza? «Certo, purchè paghi il dovuto all’Amministrazione comunale». Detto così sembra facile, ma questo collaudato “sistema” sembra andato in tilt ieri a Gavardo, dove si è presentato il “Circo di Vienna” con l’intenzione di far felici grandi e piccini per cinque serate. «Abbiamo pagato i 500 euro che ci hanno chiesto in Comune, ma abbiamo anche ricevuto la visita da parte degli agenti di Polizia locale che ci hanno vietato di dare spettacoli – ha lamentato ieri Andrea Mega, il responsabile amministrativo del circo -. Non ci lasciano lavorare, ne vogliono altri 3mila». Abbiamo chiesto lumi a Gianbattista Tonni, primo cittadino di Gavardo: «Quel signore ed il suo circo erano già passati da Gavardo tempo fa, e se ne sono andati senza lasciare una lira – ci ha detto -. Questa volta non deve accadere ed ho imposto al mio funzionario di richiedere 2mila euro come deposito cauzionale, oltre a quanto previsto per queste cinque serate e per gli spettacoli precedenti. Al tempo avevamo anche emesso relativa cartella esattoriale, senza mai ricevere nulla». Mega insiste: «Quando eravamo passati per Gavardo c’era un altro signore che ci faceva da segretario, un disonesto che ci ha creato anche altri problemi e che abbiamo allontanato. Noi siamo persone serie ed i soldi che ci chiede il Comune sono veramente troppi. In questo momento non li abbiamo proprio: siamo quaranta persone e con noi ci sono 50 animali a cui dare da mangiare. Abbiamo bisogno di lavorare per farlo, e anche per pagare quanto dovuto all’Amministrazione di Gavardo». Che siano tempi duri, per l’arte circense, non è certo una novità anche per il sindaco Tonni: «Capisco tutto, ma ogni cosa va fatta nella correttezza. Non cambio certo idea». «Noi gli spettacoli li facciamo lo stesso, nella piazza che sta proprio sotto il cavalcavia all’uscita dalla tangenziale – ha concluso Andrea Mega -. Così potremo mangiare e pagare il dovuto». Ubaldo Vallini

(da “Il Giornale di Brescia”, 3/09/2005)

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.