Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

LO SPETTACOLO DAL VIVO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

FESTIVAL DI LATINA

LO SPETTACOLO DAL VIVO AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

Come tutte le settimane abbiamo aggiornato la nostra pagina Tournèe e fa impressione vedere come su un bollettino di guerra tanti complessi che pur essendo regolarmente in attività sono fermi, in pausa forzata, magari correttamente montati, ma chiusi a causa dell&rsquoordinanza sanitaria. Non condanniamo quel provvedimento, perché purtroppo, soprattutto chi vive nelle regioni del Nord, magari quelle più colpite e a rischio, sente estendersi il problema, con un aumento del contagio e la mortalità.

Alcuni circhi stanno riuscendo a continuare a lavorare, per alcuni il lavoro continua ad andare bene, compatibilmente col clima nazionale, altri faticano, ma preferiscono provare a lavorare piuttosto che fermarsi. Il quadro è spiazzante e la speranza è che questo brutto sogno, questo vero e proprio incubo, finisca presto.

La situazione non è diversa per i teatri che fatte salve poche piccole eccezioni, stanno chiudendo in massa nell&rsquoimpossibilità di applicare il decreto e intanto garantire la sostenibilità economica delle varie repliche. Diversa la situazione per i cinema che in diversi casi rimangono aperti, bloccando alcuni posti per garantire la distanza di sicurezza imposta dall&rsquoordinanza.

Le foto che pubblichiamo si riferiscono a un cinema e al Circo Sandra Orfei di Claudio Vassallo. Le pubblichiamo per avere una testimonianza delle condizioni in cui è costretto dalle circostanze a lavorare oggi un imprenditore dello spettacolo dal vivo. A fianco a questi casi, ribadiamo, ce ne sono moltissimi altri che non possono neanche aprire, attori di compagnie ferme, tecnici teatrali, maschere, titolari di sale etc.. che per un mese non lavoreranno e non incasseranno. La questione non è tanto legata a come si siederà il pubblico…la questione è se il pubblico verrà, se si fiderà di venire allo spettacolo o se prevarrà la precauzione o la psicosi.

Dunque solidarietà ai circensi, ma non solo a loro. A tutti i lavoratori dello spettacolo colpiti da questa scure. Ma non solo a loro. A tutti i lavoratori che non possono andare a lavorare, alle attività che vanno in crisi e che magari hanno dipendenti. Alle agenzie di viaggio che si vedono disdire i viaggi, agli asili nidi che sono chiusi ma che hanno personale a carico, ai bar e ai ristoranti o ai commercianti che devono sfidare la paura delle persone e sono vuoti o quasi. E solidarietà alla categoria medico-ospedaliera che è in prima linea di fronte a un gigante non sempre con mezzi e forze adeguate.

Tutto questo passerà e quel giorno (speriamo vicino) guarderemo queste foto e apprezzeremo ancora di più le nostre gradinate senza nastro bianco/rosso, senza cartelli, senza limitazioni&hellip

 

06/03/2020 18.21.13

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.