Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Gilbert Gruss preannuncia battaglia contro Parigi

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Divieto di animali selvatici nei

circhi: “È solo a causa delle

elezioni questo bailame”

La cavalleria di Gruss è una tradizione.  Di solito è gestito da un membro della famiglia.

La città di Parigi si impegna formalmente a non dare più “nessuna autorizzazione” per l’installazione dal 2020 ai circhi che presenteranno spettacoli con animali selvatici. Una decisione che rallegra i sostenitori degli animali ma non i proprietari e gli artisti di circo, che si dichiarano“pronti a combattere”.

La città di Parigi ha votato venerdì sera che, dalla fine del 2020 non saranno più rilasciati permessi di attendamento per i circhi che presenteranno spettacoli con animali selvatici. Ma alcuni si rifiutano di rinunciare ai loro animali. È il caso del circo Arlette Gruss che arriverà alla fine del mese a Parigi.

“Tutti gli animali fanno qui, quello che fanno nel loro habitat naturale”

Sotto l’imponente tenda bianca e rossa, ballerini, acrobati e animali arrivano per fare lo spettacolo. In un attimo, le leonesse entreranno nel circo Arlette Gruss circus, fondato nel 1985. “Tutto ciò che fanno gli animali qui, lo fanno nel loro habitat naturale”, afferma Sarah Houcke, addestratrice di animali selvatici da 20 anni. Dice di essere impegnata a costruire, con i suoi animali, un rapporto basato sulla fiducia e non sulla paura. ” È un rapporto intenso con gli animali”, aggiunge.

Il Cirque Arlette Gruss accoglie 650.000 spettatori all’anno. Alcuni di loro sono preoccupati per il benessere degli animali e non esitano a boicottare altri circhi. “Ci piacciono gli animali, ma non vogliamo che vengano maltrattati”, afferma Jessica, che ha già rifiutato di assistere a uno spettacolo in un circo di campagna.

Il circo Arlette Gruss vuole attaccare Parigi in tribunale

Il direttore del circo, Gilbert Gruss, conferma di voler attaccare il sindaco di Parigi in tribunale. Garantisce che le città non hanno il diritto di vietare i circhi con animali selvatici. “L’unica persona” che può farlo “è il Presidente della Repubblica”, aggiunge il direttore. Per lui, “è solo a causa delle elezioni che vediamo tutto questo bailame, prima di sentirne parlare”.

Mentre sono già state messe in atto misure per l’accoglienza degli animali, alcuni artisti si sentono ancora attaccati. “Siamo a favore della difesa degli animali, lo facciamo da molti anni ormai, e le aree relax per gli animali, ad esempio, provengono dal lavoro con lo stato”, spiega Rémy Becuwe, coordinatrice dello spettacolo.

In Francia, 384 comuni, come Digione, Montpellier, Strasburgo o Ajaccio, hanno già adottato l’ordine di vietare gli animali selvatici nei circhi.

 

Per leggere l&rsquo articolo originale in francese

CLICCATE QUA

17/11/2019 17.48.15

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.