Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

PARIGI HA APPROVATO L’ ELIMINAZIONE DEGLI ANIMALI

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Parigi vota la fine dei numeri di

animali selvatici nei circhi

nel 2020

 

 

L&rsquo amica DIANA MORENO ci ha inviato l&rsquo articolo che vi ho tradotto qui di seguito. Un annuncio shock, di quelli che non avremmo mai creduto di potere leggere. La notizia è che venerdì sera, il Comune ha approvato una delibera con cui stabilisce che dal 2020 non verranno più ammessi sul territorio parigino circhi che prevedono l&rsquouso di animali selvatici nei loro spettacoli. Divieto valido da subito per tutti, ad eccezione del Cirque D&rsquo Hiver Bouglione, in quanto di proprietà privata (e quindi non soggetta alla richiesta di permessi di attendamento) e per l&rsquo Arlette Gruss in quanto già munito di autorizzazione anche per il 2020. Successivamente, viene affermato nell&rsquo articolo, per ottenere il permesso di attendamento dovrà escludere tali animali dal programma. Nell&rsquo articolo si afferma anche che il ministro per la Transazione Ecologica Elisabeth Borne ha annuniciato che farà annunci forti a breve.

AV

 

La delibera è stata votata venerdì sera dal Consiglio di Parigi. Il sindaco accetta di accompagnare i circhi a convertirsi.

Gli animali stanno aspettando di entrare nel sentiero del circo &quotT Feery" a Lille (Nord) il 25 ottobre 2019.

 Nella capitale, i circhi presto non avranno più il diritto di utilizzare gli animali selvatici. La città di Parigi ha votato, venerdì 15 novembre, la fine nel 2020 del rilascio di “autorizzazioni di occupazione del suolo” per i circhi che presenteranno questo tipo di spettacoli. “Possiamo congratularci collettivamente con noi stessi per questa decisione che corrisponde a un progresso sociale desiderato da tutti i francesi”, si rallegra AFP Pénélope Komitès, l’assistente responsabile della natura in città.

A Parigi, la misura in discussione da due anni, tuttavia, non si applica ai circhi Bouglione o Gruss. Il primo, essendo il proprietario del suo dominio (il Cirque d’Hiver), non può essere imposto come tale. Per quanto riguarda il secondo, dovrà firmare la convenzione sul divieto degli animali selvatici quando il suo contratto di occupazione del suolo scadrà nel 2020, se vuole continuare la sua attività sul dominio pubblico.


Un’assistenza di conversione per i circhi

Acclamato dalle associazioni, il divieto di animali selvatici fa arrabbiare alcuni circensi. “Rimuovere gli animali è come togliere i clown, e poi ci saranno solo spettacoli come il Cirque du Soleil per i nerd e gli adolescenti”, afferma William Kerwich del Cirque Royal, che vede la decisione come” una questione politica “.

La rappresentante eletta della Francia insubordinata Danielle Simonnet sostiene per sua parte che “verrà fornito un sostegno finanziario alle strutture francesi senza scopo di lucro che si prendono cura e si prendono pienamente cura degli animali selvatici”. È stata ascoltata: la decisione sarà accompagnata da un aiuto di “circa 50.000 euro in tre anni” a ciascun firmatario del circo per una conversione, promette Pénélope Komitès.

Colui che ha guidato Greenpeace France spera che “lo stato si posizionerà finalmente su questo argomento e consentirà finanziariamente al circo di riconvertirsi “dopo aver interrotto gli spettacoli con “animali selvatici”. Questa decisione viene comunque presa mentre il ministro della Transizione ecologica, Elisabeth Borne, ha recentemente promesso “annunci forti nelle prossime settimane”. Alla fine del 2018, circa 40 paesi in tutto il mondo, la maggior parte dei quali in Europa, avevano bandito parzialmente o totalmente i circhi con il serraglio.

Da www.francetvinfo.fr del 15/11/19

Per leggere l&rsquoarticolo originale in francese

CLICCATE QUI

17/11/2019 17.20.09

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.