Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Il Comune dice “no” al circo «Ma noi veniamo lo stesso»

FESTIVAL DI LATINA

Il Comune dice “no” al circo

«Ma noi veniamo lo stesso»

 

Nove tappe, nove richieste ufficiali, nove «sì». Senza problema alcuno. Da Ala ad Avio, da Rovereto a Mori, da Arco a Ledro, passando per Dro, Nago-Torbole e Volano. La decima richiesta sta rimbalzando da un paio di mesi abbondanti contro un «muro di gomma» e riguarda proprio Riva del Garda. Perché da Palazzo Pretorio sono stati chiari: nessuna concessione, non c&rsquoè un&rsquoarea. Il privato ha reperito un&rsquoarea a proprie spese? È lo stesso, resta il «no».

È di fatto un braccio di ferro quello in corso tra l&rsquoazienda circense «Fratelli Grioni» e l&rsquoamministrazione comunale di Riva del Garda dove l&rsquoazienda circense a conduzione famigliare (25 anni di attività, 10-12 persone impiegate, 180 posti a sedere per i propri spettacolo e, come precisa il titolare Roberto Grioni, «senza animali da spettacolo ma solo per una fattoria didattica») avrebbe dovuto esibirsi a partire da martedì prossimo 23 luglio dopo aver appena concluso i suoi spettacoli in quel di Arco, nell&rsquoarea all&rsquoingresso ovest della frazione di Bolognano. Un «braccio di ferro» nel quale è sceso in campo anche l&rsquoEnte Nazionale Circhi che nei giorni scorsi ha inviato al sindaco Mosaner e al prefetto di Trento Sandro Lombardi una dura missiva firmata dal presidente nazionale Antonio Buccioni in cui si parla espressamente di «violazione palese del principio di libertà d&rsquoiniziativa economica sancito dalla Costituzione» e «violazione delle leggi dello Stato per eccesso di potere».

L&rsquo8 maggio scorso Roberto Grioni ha presentato al Comune di Riva istanza per avere un&rsquoarea dove esibirsi a partire dal 23 luglio, «fermo restando – sottolinea il presidente dell&rsquoEnte nazionale Circhi Buccioni – che la legge vigente stabilisce l&rsquoobbligo per i Comuni di compilare un elenco delle aree comunali per l&rsquoinstallazione dei circhi e tale elenco deve essere aggiornato almeno una volta all&rsquoanno».

«Prima ci hanno risposto che non c&rsquoera nessuna area disponibile – osserva Roberto Grioni – Dopo venti giorni hanno cambiato versione dicendo che dovevamo inviare la richiesta entro il 31 marzo ma nel Regolamento comunale, all&rsquoarticolo 21, c&rsquoè scritto chiaro e tondo che la domanda va presentata almeno due mesi prima della data di occupazione. E io la domanda l&rsquoho regolarmente presentata l&rsquo8 maggio scorso, tra l&rsquoaltro proponendo due periodi diversi per non creare problemi logistici».

Palazzo Pretorio però ha risposto che l&rsquoarea non c&rsquoè e ha rigettato la richiesta. Roberto Grioni si è dato da fare e ha raggiunto un accordo con la proprietà dell&rsquoarea ex Cattoi (gli arcinoti imprenditori Hager e Signoretti) con la quale ha sottoscritto «un regolare contratto di comodato d&rsquouso». Ma anche in questo caso a Palazzo Pretorio hanno fatto spallucce. «E senza il consenso del Comune interessato – precisa ancora Grioni – la Polizia di Stato non concede a sua volta il necessario permesso».

Morale: lunedì il Circo Italiano Fratelli Grioni dovrà abbandonare l&rsquoarea di Bolognano e punterà comunque la «barra» su Riva. «Che sia per fare i nostri spettacoli o solo per rimanere lì in attesa di spostarci in val di Ledro – fa sapere il titolare dell&rsquoazienda circense – comunque io lì (all&rsquoarea ex Cattoi, ndr.) ci devo andare».

Nelle tre pagine inviate dall&rsquoEnte nazionale Circhi si sottolinea anche che «se tutte le amministrazioni comunali tenessero il comportamento manifestato da quella di Riva del Garda i circa 100 circhi operanti in Italia – si legge testualmente – si vedrebbero costretti a dichiarare fallimento».

«Io ho 12 pec inviate in Comune, avrò chiamato 6-7 volte la segreteria del sindaco, ho chiesto anche del vicesindaco e dell&rsquoassessore competente – fa sapere Grioni – Si sono negati tutti, nessuno mi ha risposto. È la prima volta in 25 anni di attività che veniamo in Trentino e ovunque in questa provincia siamo stati accolti senza problemi. Solo quì a Riva ci impediscono di lavorare».

 

Da www.ladige.it del 18/07/19

18/07/2019 17.43.36

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.