Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

MARINA ORFEI A LECCE, GLI SVILUPPI

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

MARINA ORFEI A LECCE, GLI SVILUPPI

Come annunciato dalla stampa, si é svolta ieri la conferenza stampa dell’assessore Andrea Guido, in seguito un ripensamento da parte dell’Amministrazione Comunale di Lecce e la possibilità per il circo di restare in città per i giorni programmati.
La giornata di ieri si può riassumere nei due articoli e dal VIDEO che riportiamo sotto.
A tanta di stanza di chilometri é difficile dare un giudizio sulla vicenda, si legge e si riflette, personalmente non concordo con le parole dell’assessore
in coda al video, se nel 2013 la gente va ancora al circo (come pare sia successo con una certa partecipazione a Lecce)lasciamo che sia il pubblico a decretare il successo o la morte di questo tipo di spettacolo. Si intervenga se ci sono reati, si sanzioni dove c’é da sanzionare, ma se giudichiamo una cosa superata per i tempi in cui viviamo, lasciamo che siano i protagonisti a mettersi il cappio al collo senza indossare noi i panni del boia. (mt)

*
Il circo di Marina Orfei resta in città. Il Comune ci ripensa

da lecceprima.it

Prima una movimentata conferenza stampa a Palazzo Carafa, poi un incontro tra il sindaco e l’assessore. Alla fine l’ordinanza di sgombero è stata sospesa.

Sarà la magistratura a verificare le presunte irregolarità

LECCE – Il circo di Marina Orfei resterà nel piazzale dello stadio fino al 3 marzo, come inizialmente programmato. La decisione è venuta al termine di un faccia a faccia tra il sindaco Paolo Perrone e l’assessore all’Ambiente, Andrea Guido, che si è tenuto subito dopo la fine della conferenza stampa con la quale l’esponente della giunta aveva illustrato il provvedimento firmato dal dirigente di settore che intimava ai circensi di levare le tende per presunte irregolarità.

“Di concerto con il sindaco – afferma l’assessore Andrea Guido – ho deciso, viste le immediate iniziative poste in essere dalla società che gestisce il Circo di Marina Orfei per risolvere e porre rimedio alle problematiche riscontrate e che hanno determinato l’adozione del provvedimento del dirigente Paolo Rollo e l’informativa inviata alla magistratura da parte del comando della Polizia municipale, di concedere un’ulteriore chance alla compagine della signora Marina Monti Condesnitt “.

“Per evitare il rischio – spiega Guido – di procurare un grave danno economico alla famiglie degli operatori a seguito del circo, situazione che, a quanto pare, non è tra le più floride, ho preferito ammorbidire la mia posizione. Peraltro, sono venuto a conoscenza anche di vicende che sul piano umano mi hanno rattristato imponendomi una profonda riflessione. Per queste ragioni ho messo da parte anche gli attacchi rivolti in pubbliche sedi alla mia persona e al ruolo istituzionale che rivesto optando per una soluzione più accomodante della vicenda anche se le responsabilità della cattiva condotta degli operatori circensi verranno valutate in altre e più opportune sedi. Non avrei mai sopportato di arrecare danno a persone che nulla hanno a che vedere con gli illeciti riscontrati, per i quali saranno solo i responsabili a pagare”.

Questi gli sviluppi del primo pomeriggio. In mattinata, invece, nella conferenza stampa organizzata questa dall’assessore all’Ambiente Andrea Guido, si era verificato un fuoriprogramma con l’ingresso in sala giunta del marito di Marina Orfei, Giuseppe Spada, accompagnato dal suo legale. Ne era seguito un vivace scambio di battute intorno all’ordinanza dirigenziale che prevede la revoca dell’autorizzazione amministrativa rilasciata lo scorso 21 febbraio che ha autorizzato il circo fino al 3 marzo e la conseguente smobilitazione.

“Lo sgombero ci spiazza – ha detto Spada – e ci mette in gravi difficoltà economiche. La verifica della documentazione ritenuta non idonea dal Comune è un passo che sarebbe potuto essere valutato successivamente, ma farci andare via non è giusto. Lo spazio che ci avete dato per il circo non è attrezzato, quindi la responsabilità è anche vostra. Voi mi dite che devo andare via da Lecce, mettendo così in gravi difficoltà famiglie che lavorano regolarmente, e tutto questo perché il Comune non ha aree idonee ad ospitare spettacoli circensi. Lei assessore Guido – ha chiesto Spada – si rende conto che ha tolto il pane dalla bocca dei miei figli? Il 3 marzo è l’ultimo giorno di spettacoli ed ora invece saremmo costretti a smontare anzitempo il tendone con una perdita economica non indifferente. Non potete darci il permesso per poi revocarlo tre giorni prima”.

“Io devo tutelare i cittadini di Lecce – ha ribattuto invece Guido – e se il Comune, come dice lei, non ha aree attrezzate, questo non è di mia competenza, si rivolga pertanto agli uffici preposti. Ci siamo ritrovati tra le mani un contratto stipulato con una ditta di smaltimento del barese completamente falso, come la stessa ditta ci ha poi confermato con tanto di documentazione. E’ stato proprio il nostro ufficio – spiega l’amministratore – a riscontrare che il contratto sottoscritto tra Monti Condesnitt Marina, rappresentante della Monti Production, e la ditta addetta allo smaltimento dei liquami, documento inoltrato al settore Attività economiche e produttive, è falso, come poi ci ha confermato la stessa ditta”.

“Tutto parte da una indagine fatta qualche giorno fa – ha aggiunto l’assessore all’Ambiente – dopo avere riscontrato la presenza di letame nei contenitori della raccolta differenziata in quella zona della città, dove ha montato le tende il circo. Da lì ci sono stati poi ci sono state ulteriori indagini. Ed è emerso che il circo ha presentato al Comune di Lecce documentazione falsa al fine di ottenere le autorizzazioni per sostare in città. Per questo motivo la polizia giudiziaria provvederà già da questa mattina ad intimare lo sgombero della struttura”.
D’altronde il circo di Marina Orfei si trova in città per l’autorizzazione rilasciata al Comune di Lecce circa sei mesi fa, ancora prima che il consiglio
comunale si esprimesse, all’unanimità, sulla mozione del consigliere Daniele Montinaro tesa a vietare lo sfruttamento degli animali per spettacoli. Va detto, come confermato questa mattina dall’assessore Guido, che nella prossima assise cittadina dovrebbe essere inserito nell’ordine del giorno il regolamento comunale che impedirà l’ingresso a Lecce di circhi con animali.


GUARDA IL VIDEO

Tregua tra il circo e il Comune, lo sgombero è stato revocato

Guido: “Altra chance per non provocare danni economici alle famiglie”

da ilpaesenuovo.it

LECCE – Dopo i momenti di tensione, arriva la tregua tra i gestori del circo Marina Orfei e il Comune di Lecce. In tarda mattinata, al termine della conferenza stampa indetta dall’assessore Andrea Guido per discutere l’ordinanza di sospensione degli spettacoli, l’amministrazione ha deciso di concedere ai circensi la possibilità di continuare l’attività fino al 3 marzo. Quanto agli illeciti di natura amministrativa e penale riscontrati, questi resteranno invece al vaglio dell’autorità giudiziaria.

Ad ammorbidire la posizione degli amministratori leccese sarebbe stata la presentazione da parte dei responsabili del circo di quei documenti a corredo dell’istanza originaria per ottenere l’autorizzazione allo svolgimento degli spettacoli e in seguito anche la soluzione delle problematiche ambientali causate dalla struttura.

“Di concerto con il sindaco e per evitare il rischio – spiega l’assessore Guido – di procurare un grave danno economico alla famiglie degli operatori a seguito del circo, situazione che, a quanto pare, non è tra le più floride, ho preferito concedere un’altra chance. Peraltro, sono venuto a conoscenza anche di vicende che sul piano umano mi hanno rattristato imponendomi una profonda riflessione. Per queste ragioni ho messo da parte anche gli attacchi rivolti in pubbliche sedi alla mia persona e al ruolo istituzionale che rivesto optando per una soluzione più accomodante della vicenda anche se le responsabilità della cattiva condotta degli operatori circensi verranno valutate in altre e più opportune sedi”.

Conclude: “ Non avrei mai sopportato di arrecare danno a persone che nulla hanno a che vedere con gli illeciti riscontrati, per i quali saranno solo i responsabili a pagare”.

02/03/2013 10.54.36

 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.