Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Senza cibo né soldi l’incubo del circo: “Ora è bruciato anche il tendone”/ VIDEO

Senza cibo né soldi l’incubo del circo

Senza cibo né soldi l’incubo del circo: “Ora è bruciato anche il tendone”/ VIDEO

I Grioni bloccati da mesi a Calcinato non possono lavorare e ricevono il foraggio per mantenere gli animali. Ma il disastro che li ha colpiti li mette a dura prova. “Aiutateci, così noi e i nostri figli non ce la facciamo”

di DANIELE DE SALVO
 

Calcinato (Brescia), 17 gennaio 2021 – Non bastava la pandemia che sta affamando lui, i suoi figli, i suoi dipendenti e anche i suoi animali. Ad aggravare la situazione, già di per sé drammatica, un altro accidente. È divampato anche un incendio che ha devastato il tendone del suo circo. “Un disastro immane, l’epilogo di una bruttissima storia. E non abbiamo mai ricevuto neppure un solo centesimo dallo Stato”. Gli unici che stanno dando una mano a Marco Grioni, 40 anni, originario di Calco, nel Lecchese, ultimo rappresentante di una famiglia di circensi che da mezzo secolo incantano con la loro magia bambini e adulti, sono i colleghi, gli amici, qualche benefattore e alcuni allevatori della zona di Calcinato, in provincia di Brescia, dove è rimasto bloccato con la sua famiglia e quelle dei suoi artisti da ormai tre mesi, senza potesi né esibire né spostare a causa del coronavirus e delle misure che hanno bloccato l’attività culturali e artistiche, non solo nelle sale dei cinema e dei teatri.

«L’ultimo spettacolo risale al 23 ottobre – racconta –. Poi non abbiamo incassato più nulla, sono rimaste solo le spese. Per nutrire il nostro cammello, il nostro lama e gli altri animali, alcuni agricoltori di queste parti ci regalano il foraggio. Abbiamo anche lanciato una raccolta fondi tramite Paypal, ma non possiamo continuare a chiedere”. Solo per accompagnare i 4 figli di 5, 8, 11 e 13 anni in due scuole diverse del territorio, Grioni spende in gasolio più di 50 euro a settimana: “Sono lontane molti chilometri, ma le abbiamo scelte perché erano baricentriche rispetto ai luoghi dove avevamo programmato la tourné in modo da non continuare a cambiarle. Calcinato era il paese più distante, avremmo dovuto fermarci qui solo tre giorni, però è scattato il lockdown che ci ha inchiodato qui”, racconta il padre di famiglia. L’altra sera un rogo, innescato da una stufetta, ha inoltre distrutto una roulotte, un trattore, il rimorchio e il chapiteau, che è il grande tendone simbolo di tutti i circhi.

«Con il cuore in mano chiedo a chi volesse di contribuire a raccogliere il necessario per consentirci di andare avanti e di ricostruire il tendone che è il nostro futuro – è l’appello alla generosità della gente di Marco Grioni – So che sono tempi difficili per tutti, da soli però non possiamo proprio farcela”.
 
Da www.ilgiorno.it del 17/01/21
 
 
Senza cibo né soldi l’incubo del circo: “Ora è bruciato anche il tendone”/ VIDEO
 

[google-translator]

 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

 

error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.