Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

RINA BIZZARRO TRA I LEONI (1986): Il Video

 

L’Italia ha una buona tradizione di domatrici di felini, anche se le donne che si sono cimentate nella grande gabbia si possono probabilmente contare sulle dita di una mano o poco più. Tra queste un ruolo di primo piano spetta a Rina Bizzarro che per circa trent’anni ha lavorato con i leoni nel Circo Città di Roma della propria famiglia.


Il video che vi proponiamo, tratto dall’archivio storico di Mauro Cantoro, ritrae Rina nel 1986, negli ultimi anni di lavoro con i leoni, quando il Circo Città di Roma presentava uno spettacolo su tre piste.
PER VEDERE IL VIDEO CLICCA QUI

 

Il debutto avvenne nel 1956 quando il Circo si trovava a Tripoli e agiva come “Circo delle Sorelle Florans”. Poco prima, durante la permanenza in Egitto Rina aveva ricevuto in dono dal Presidente Nasser una coppia di giovani leoni: Aziza la femmina e Atlas, il maschio e fu con quelli che creò il primo numero. Nel corso della sua lunga carriera di domatrice, Rina, ebbe fino a 10 esemplari, ma lavorò al massimo con nove di essi contemporaneamente: Aziza, Atlas, Ercolino, Mabruk, Thula, Sultano, Chepard, Antares, Piera e Dalila. L’esercizio che la rese popolare, quello in cui porgeva con le labbra una bistecca alla bocca della leonessa.

Rina ha smesso di lavorare in gabbia nel 1987 quando il circo era attendato a Catania, in Piazza Alcalà. Qui infatti, dopo uno spettacolo pomeridiano, l’inserviente trovò la sua leonessa preferita Aziza morta. Nel frattempo, Rina era sempre più assorbita dagli impegni burocratici, costringendola così a stare sempre meno a contatto con i suoi felini. Queste ragioni la indussero a smettere, anche se i leoni rimasero sempre una sua passione.

Durante questi trenta anni di attività, Rina ha lavorato sempre nel proprio complesso, sia in Italia che all’estero, ma nel 1965 ricevette la concreta proposta di esibirsi col proprio numero al Circo Krone-Bau di Monaco di Baviera. Rina custodisce ancora gelosamente la lettera in cui il signor Sembach si definisce aperto a “qualsiasi condizione” di scrittura che la Bizzarro avesse preteso pur di averla nel proprio spettacolo invernale. Tuttavia, nonostante la forte tentazione di accettare quel prestigioso ingaggio, Rina non lasciò mai il proprio circo.

D.D.

Note biografiche raccolte da Raffaele Grasso
Video di Mauro Cantoro

[google-translator]

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.