Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Liana Orfei “Con Moira ci siamo ritrovate poco prima che morisse”

Liana Orfei

Liana Orfei “Con Moira ci siamo ritrovate poco prima che morisse”

 Emanuele Ambrosio

Liana Orfei si racconta a cuore aperto in occasione dell’uscita della sua autobiografia: dal bacio a Marcello Mastroianni al rapporto con la cugina Moira

Liana Orfei, l’erede della famosa dinastia circense, si è raccontata in una lunga intervista concessa al settimanale Oggi in occasione dell’uscita della sua autobiografia dal titolo “Romanzo di vita vera – Io non sono, tu chi non sei?”.  Un lungo viaggio alla scoperta di una donna che ha rischiato sin dalla nascita come ha rivelato: “da bambina ho rischiato fi morire a causa di una polmonite. I miei genitori, terrorizzati, da lì in poi mi hanno proibito tutto: non potevo correre, giocare, sudare. Mi sono vendicata dopo, ho ripreso tutto con gli interessi. E anche oggi a quasi 84 anni ho la curiosità di una sedicenne”.  La cugina dell’indimenticabile Moira Orfei, sorella di Nando e Rinaldo Orfei, ha vissuto una infanzia molto difficile: “mio padre Paride ha rischiato di essere ucciso due volte: prima dai tedeschi e poi dai partigiani”. Sono gli anni della guerra mondiale e per un motivo di salute, una ernia inguinale, il padre si ritrova escluso dai bersaglieri, ma rischia di essere fucilato dai tedeschi. Riesce a salvarsi grazie alle sue doti artistiche.

 

Liana Orfei: “il bacio con Marcello Mastroianni il più lungo della storia del cinema italiano”

Non solo una circense, Liana Orfei è anche attrice. Il suo debutto è con il grande Federico Fellini che però non la scelse per quel film: “mi fece un provino, non mi prese perchè ero troppo giovane, non avevo la faccia abbastanza vissuta e sofferente. Ma il solo fatto che si fosse interessata a me mi aprì le porte di un mondo dorato”. Arrivano poco dopo i primi film: da “Tipi da spiaggia” dove recita con Ugo Tognazzi a quello con Orson Welles su cui rivela: “era sgradevole con tutta la troupe. Era difficile trovarlo sobrio, beveva due bottiglie di whisky a notte”. Qualche anno dopo Federico Fellini le propone una piccola parte nel film cult “Dolce Vita” e nel documentario “I clowns”: “Per me erano come parenti”. Tra i suoi film una menzione particolare merita “Casanova 70” in cui interpreta una domatrice di leoni e bacia Marcello Mastroianni: “è stato per i critici il bacio più lungo della storia del cinema italiano”. La sua carriera nel cinema però conosce il declino con l’avvento dei film Mosè: “mi offrivano solo parti in cui dovevo denudarmi, ma non potevo accettare. Da circense ero un modello per tutti i bambini”. Infine il ricordo di Moira Orfei: “eravamo unitissime da ragazze. Poi ci siamo allontanate e non mi ha invitato neanche al suo matrimonio. Ci siamo ritrovate poco prima che morisse: soffriva tanto. Sono andata a trovarla, mi ha abbracciato e lì ho ritrovato la mia Mora, come la chiamavamo da ragazza”.

Da www.ilsussidiario.net del 26/11/20

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

 

 

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.