Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

FRANCIA: CHRISTIAN HAMEL E IL DR. FRERE REPLICANO AL MINISTRO SUGLI ANIMALI NEL CIRCO

 

Il quotidiano francese Le Figaro in merito alle proposte del Ministro per la Transizione Ecologica di eliminare entro cinque anni gli animali esotici dai circhi e orche e delfini dai delfinari (di cui abbiamo pubblicato una notizia oggi) ha intervistato il dottor Alain Frere, consigliere artistico e co-fondatore del Festival di Monte Carlo e Christian Hamel, presidente del Club du Cirque, storico del circo e uno dei massimi esperti di circo con animali a livello europeo. Hamel e Frere ribattono alle proposte del Ministro dando voce alle ragioni dei circensi. Vi proponiamo l’articolo integrale pubblicato da Le Figaro.

Fine degli animali selvatici nei circhi e nei delfinari: “Dobbiamo smetterla di dire bugie, gli animali sono trattati molto bene”

Circensi e gestori di parchi zoologici gridano contro l’ingiustizia, dopo l’annuncio del Ministero della Transizione Ecologica di vietare la fauna selvatica nei circhi e le orche e i delfini nei delfinari.

Una decisione “ingiusta”, “bugie”, o anche un “disastro”: questa è, in sostanza, la reazione dei rappresentanti del mondo del circo e dei parchi faunistici, questo martedì, agli annunci del ministro della Transizione ecologica Barbara Pompili. Il Ministro ha infatti annunciato una serie di misure “a favore del miglioramento del benessere della fauna selvatica in cattività”, tra cui “la progressiva fine della fauna selvatica nei circhi itineranti” e “la fine di orche e delfini in delfinari inadatti”.

Ma queste misure sono fortemente contestate dal mondo dei circhi itineranti e dei parchi faunistici, che, oltre a preoccuparsi del proprio futuro finanziario, segnalano misure sleali nei confronti delle proprie infrastrutture, affermandosi al contrario impegnati nel benessere degli animali e nella sensibilizzazione alla biodiversità.

Una lotta ideologica?

Già indebolito negli ultimi anni da un calo delle presenze pubbliche, il mondo del circo itinerante è particolarmente preoccupato per queste nuove misure. Il dottor Alain Frère, fondatore del festival del circo di Monte-Carlo, esperto di circo riconosciuto e sindaco di Tourrette-Levens per quasi 40 anni, non nasconde la sua rabbia nei confronti delle associazioni animaliste che, secondo lui, si nasconderebbero dietro questi annunci del governo. “La nostra tendenza è il circo tradizionale, con la presenza di animali selvatici. Può piacere o no, ma dire bugie è inaccettabile. Gli animali del circo sono trattati bene nella stragrande maggioranza dei casi!”. “Al Circo Arlette Gruss, tutti gli animali hanno una cartella clinica, con i vaccini, i nomi dei veterinari in ogni città”, aggiunge Christian Hamel, presidente del Club du Cirque e grande specialista delle arti circensi. Per quanto riguarda la critica alla presenza di animali in gabbia, afferma che non ha basi scientifiche: “Gerald Durell, naturalista britannico, ha scritto: ‘È praticamente impossibile convincere queste persone che è solo a loro che queste barre danno l’idea della reclusione”.

“Questi annunci hanno un carattere eminentemente politico”, critica Christian Hamel. Denuncia così l’esistenza di una potente “lobby”, di “animalisti frenetici che tempestano le sedi dei vari ministeri, il municipio di Parigi, i ministeri e altri decisori con email ostili verso il circo e interventi della stessa natura”. Secondo lui, “la crociata guidata da queste ONG non si rivolge solo ai circhi. La loro intenzione è di farla finita con gli zoo, ma anche gli sport equestri, anche gli animali domestici”. Alain Frère, da parte sua, si rammarica che questa lotta “ideologica” sia impari in quanto i circensi, privi di forze finanziarie, e di competenze di comunicazione, non dispongono dei “mezzi per difendersi”, di fronte alle associazioni antispeciste che al contrario sono specializzate in campagne di comunicazioni virulente e aggressive.

“Venite a vedere quando al mattino vengono aperte le gabbie, come le bestie vengono a leccare il loro allenatore!” C’è un vero legame tra di loro”, insiste Alain Frère, che sottolinea anche che la presenza di animali selvatici nei circhi è già regolamentata in Francia. Infatti, un decreto pubblicato il 18 marzo 2011 stabilisce in modo molto preciso le condizioni di soggiorno, mantenimento ed educazione di questi animali. “Ad esempio, dobbiamo avere una gabbia relax in modo che gli animali possano riposare. Basta applicare la legge, non c’è bisogno di arrivare al divieto!”, lamenta questo grande collezionista di arti circensi.

Marineland difende la sua missione di sensibilizzare alla biodiversità

Per quanto riguarda i parchi zoologici presi di mira dal progressivo divieto di orche e delfini, deploriamo anche il processo di intenti di abuso sugli animali. In una dichiarazione rilasciata mercoledì 30 settembre, Marineland Park ritiene che l’annuncio ministeriale “non mira a stabilire standard elevati a favore del benessere degli animali, ma a minare l’impegno degli zoo a favore. missioni educative, di ricerca e di conservazione per le quali (…) Marineland lavora quotidianamente”.

Marineland “ha ottenuto la certificazione American Humane per il benessere e la cura degli animali”, difende tuttora il parco acquatico. La decisione di Barbara Pompili “distrugge i partenariati educativi stretti con le scuole e la ricerca universitaria, deplora ancora il parco acquatico. Attraverso l’educazione attraverso la presentazione di animali marini, gli 800.000 visitatori del parco “sono stati” resi consapevoli delle sfide ambientali che questi animali devono affrontare in natura “e ne sono diventati” consapevoli

Planète Sauvage, un vasto parco faunistico situato nei pressi di Nantes, che presenta al pubblico anche i delfini nella sua “città marina”, ricorda anche in un comunicato che la sua priorità “è sempre stata, rimane e rimarrà garantire il benessere animale”. “Ci aspettiamo che le autorità stabiliscano un quadro di consultazione che terrà conto del parere di tutti gli esperti e delle persone interessate”, aggiunge.

La fine di una tradizione e di una cultura?

Oggi, ricorda ancora Christian Hamel, le specie presenti nei circhi si riproducono in cattività e non vengono più raccolte nell’ambiente naturale. Inoltre, attualmente, gli animali selvatici sono più minacciati nell’ambiente naturale (bracconaggio, safari, ecc.) che nei circhi, dove vengono curati, sostiene. “Le varietà di leoni e tigri bianche non esistono più in libertà, sono varietà che sono nate in cattività e che oggi vediamo solo nei circhi e negli zoo. Se li rilasciamo in libertà, non si adatteranno più a questo ambiente e moriranno!” aggiunge Alain Frère.

Al Circo Arlette Gruss stiamo già preparando con rassegnazione il passaggio verso la fine della presenza di animali selvatici. Il nuovo spettacolo ora presenta i cosiddetti animali domestici: dromedari, cavalli, capre. “Ma questo ci pone una domanda: il pubblico continuerà a venire?”, Afferma Rémy Becuwe, direttore della comunicazione del circo Arlette Gruss. “Vogliamo che il circo sia un teatro o che rimanga un circo? Quando gli animali entrano in scena, possiamo sentire il “wow” dei bambini … “, aggiunge.

“Bandendo gli animali selvatici dal circo, priviamo il circo della sua ragion d’essere: è l’unico spettacolo dal vivo in cui uomo e animale si uniscono in una creazione artistica”, aggiunge Christian Hamel, preoccupato “la scomparsa di una cultura, di una tradizione e di un saper fare”.

Un “disastro” finanziario

Naturalmente, anche i direttori di circo e i gestori di parchi zoologici sono preoccupati per le ripercussioni finanziarie di tali misure. “Abbiamo l’esempio del Cirque du Soleil, con numeri senza animali, ma che vede diminuire di anno in anno le sue presenze”, allerta Christian Hamel.

Anche il Circo Arlette Gruss si prepara alla sua transizione sostituendo gli animali con attrazioni innovative, coinvolgenti tecnologie: oltre ai numeri motociclistici, attrazioni con droni o “spettacoli laser”. “Abbiamo 300.000 spettatori all’anno, 140 dipendenti. Ma penso ai nostri colleghi dei circhi minori, che hanno meno capacità finanziarie di riprendersi”, si lamenta Rémy Becuwe.

L’amministratore delegato di Marineland, da parte sua, considera “ridicola” la dotazione di otto milioni di euro annunciata per aiutare le aziende colpite. “Questa decisione minaccia la sostenibilità finanziaria e l’occupazione di uno dei principali pilastri economici della Costa Azzurra, deplora il parco faunistico nel suo comunicato stampa del 30 settembre. L’impatto economico di Marineland è stimato dalla Camera di Commercio e Industria della Costa Azzurra in 97,9 milioni di euro, che genera 952 posti di lavoro all’anno, l’equivalente del contributo dei porti di Cannes o Nizza sull’attività economica nelle Alpi Marittime”.

Da Le Figaro

CLICK BELOW TO TRANSLATE THIS ARTICLE

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »