Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa:Lo sfogo dei consiglieri dell’Enc

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Lo sfogo dei consiglieri dell&rsquoEnc:’Pure i rom preferiti ai circensi’

 
L&rsquoattacco al governo e alla sinistra italiana, sempre dalla parte degli animalisti a priori
 
da ilgiornaleditalia.org
 
Roma, via di Villa Patrizi. Nel “teatro” dell&rsquoAssociazione Generale italiana dello Spettacolo (Agis)  &ndash in una giornata fredda e invernale – va in scena una delle tante riunioni annuali del mondo del circo. Sala affollata e toni accesi. Facce tese da parte dei protagonisti, sul piede di guerra per quel meccanismo messo in atto contro lo spettacolo viaggiante. E con la voglia di raccontare tutte quelle ingiustizie che sono costretti a subire ormai quotidianamente.
 
Neanche il tempo di arrivare e accendere il computer. Sono circondato. I consiglieri dell&rsquoEnc sono un fiume in piena. Tanta la voglia di sfogarsi e di esternare il proprio sentimento di frustrazione. Ad iniziare da Alberto Vassallo, che non lesina attacchi alle istituzioni e sentenzia: &ldquoLa cosa più umiliante è che oggi sono considerati più i rom che i circensi&rdquo. E spiega come ormai sia diventato impossibile svolgere il proprio lavoro. &ldquoPerché non vengono concesse aree pubbliche a circhi con animali. Con l&rsquoinchiesta della procura di Palermo che ha avuto certamente un peso&rdquo. E a rimetterci sono quelle eccellenze alle prese con commissioni, istruttorie, pratiche di ufficio, marche da bollo che portano via solo tempo e denaro. E che alle volte risultano perfino inutili.
 
Sulla stessa lunghezza d&rsquoonda pure i colleghi consiglieri Martino Eusanio e Derek Coda Prin, che spiegano come ormai i parametri &ndash in sede di assegnazione di aree – non contino un bel nulla. Perché il dato è tratto: &ldquoC&rsquoè una forte alleanza tra animalisti, poteri forti e la sinistra italiana&rdquo. Accusata di favorire sempre e solo circhi senza animali per sottrarsi da ogni qualsivoglia polemica. Costringendo i circensi a rivolgersi al Tar per provare a ottenere giustizia. A suon di ricorsi, che necessitano di tempo e molto denaro.
Quasi sconfortata, per i torti subiti, Tamara Bizzarro, già responsabile degli animali presso il circo Martini Darix. Che racconta di come questa disciplina in Italia non sia tutelata come nelle altre nazioni. E sia anzi vittima di attacchi e offese continue che non corrispondono alla realtà dei fatti. Che narra di una &ldquocondanna emessa nei confronti di questa categoria: umiliata. Eppure noi &ndash lo sfogo a voce alta – non ammazziamo ne derubiamo qualcuno. Portiamo divertimento nelle piazze eppure ci criticano. Non ne possiamo più&rdquo. 
Il mondo del circo si ribella e chiede maggiore rispetto. E lancia un avviso ai naviganti del governo: &ldquoCosì non possiamo andare avanti&rdquo. Alle istituzioni, che sul tema latitano, il compito di tornare a dare dignità a quest&rsquoarte meravigliosa.

 

 

28/11/2015 23.29.03

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.