Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa:Contro circo-animali,«Lo dicono anche i veterinari europei»

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

 

Contro il circo degli animali, la Lav: «Lo dicono anche i veterinari europei»

FOLLONICA &ndash «Il direttore del circo Millennium, attendato in questi giorni a Follonica e che nei prossimi mesi giungerà a Grosseto, si lamenta delle richieste al Comune di bandire i circhi con animali arrivate dai cittadini, ma la Federazione Europea dei Veterinari ha espresso nel giugno scorso la propria posizione ufficiale, dichiarando che &ldquol&rsquouso di mammiferi esotici, specialmente elefanti e grandi felini (leoni e tigri), nei circhi riflette una visione tradizionale, ma obsoleta, degli animali selvatici. Questi animali hanno lo stesso patrimonio genetico dei loro simili che vivono in natura, e mantengono perciò gli stessi comportamenti istintivi e bisogni naturali&rdquo che &ldquonon possono essere soddisfatti in un circo itinerante soprattutto in termini di alloggi e di rispetto alla possibilità di esprimere comportamenti normali&rdquo». Così Giacomo Bottinelli, consigliere nazionale Lav, interviene sulla vicenda legata al circo nel territorio maremmano.

 

La FVE ha raccomandato a &ldquotutte le autorità Europee competenti di proibire l&rsquoutilizzo di mammiferi esotici nei circhi in quanto non vi è affatto la possibilità che le loro esigenze fisiologiche, mentali e sociali, possano essere adeguatamente soddisfatte&rdquo, precisando poi come non ci sia &ldquoalcun beneficio di carattere di conservazione, ricerca o educazione che possa giustificare l&rsquouso di animali esotici nei circhi&rdquo.

«Già dal 2006 le Linee Guida della Commissione Scientifica Cites indicano una lunga lista di specie esotiche come incompatibili con la detenzione in una struttura mobile e l&rsquoAnci ha proposto ai Comuni un regolamento che vieti l&rsquoattendamento dei circhi con quelle specie al seguito &ndash dichiara Giacomo Bottinelli, consigliere nazionale Lav &ndash mentre lo Stato italiano continua a finanziare questa attività con milioni di euro ogni anno. Adesso che la Federazione Europea Veterinari, che rappresenta 48 associazioni nazionali di veterinari in 38 Paesi Europei e di cui la Federazione Nazionale degli Ordini dei Veterinari è il membro italiano, ha chiarito la propria posizione in merito, è assolutamente tempo che la nostra legge del 1968 si rinnovi verso uno spettacolo di artisti umani e che i Comuni varino il regolamento suggerito dall&rsquoAnci».

Da www.ilgiunco.net

14/08/2015 10.48.55

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.