Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Ippopotamo liberato muore (piccola rassegna stampa)

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Ippopotamo liberato muore investito
 (piccola rassegna stampa)

Macerata, blitz animalista al circo Ippopotamo fugge e muore investito

da corriere.it

Un ippopotamo è stato travolto e ucciso da un’auto nella notte tra sabato e domenica. L’animale, che apparteneva a uno dei Circhi Orfei che per la serata era accampato a Villa Potenza, in provincia di Macerata, sarebbe stato liberato da un blitz animalista per poi morire lungo la statale.
[….]  Moreno Montemagni, addestratore di animali del circo Orfei, ha spiegato a Cronache Maceratesi: « Siamo bersaglio degli animalisti da mesi. Abbiamo subito attacchi anche a Cesena e Ravenna. Eravamo in
pieno spettacolo e abbiamo annunciato la pausa per recuperare gli animali: tra questi alcuni dromedari, struzzi e una zebra». Secondo l’addestratore gli animalisti hanno divelto una rete esterna di quelle che si usano per delimitare i cantieri, e neutralizzato la recinzione elettrica interna: gli altri animali sono stati recuperati. La polizia indaga.

*

Ippopotamo scappa dal circo e muore investito da un’auto. Per gli Orfei è stato un blitz animalista

da articolotre.com

-Redazione- Ieri intorno alle 22.30 a Macerata, un ippopotamo del circo Orfei è scappato, ma la sua fuga è finita quasi subito, travolto da un’auto. Nello schianto, l’animale è morto sul colpo, mentre due ragazzi sono rimasti feriti.
Secondo le dichiarazioni fatte dai responsabili del circo, ieri sera, al centro fiere di Villa Potenza, avrebbe fatto irruzione un gruppo di animalisti che avrebbe aperto le gabbie di diversi animali (dromedari, una zebra e
struzzi) convinti che non debbano essere rinchiusi e soffrire dietro le sbarre o utilizzati negli spettacoli.

L’ippopotamo sarebbe scappato a gran velocità, raggiungendo la strada principale, superando la prima arteria poi si è diretto verso la strada per Montecassiano, a quel punto è stato travolto da un’auto in transito che se l’è trovato di fronte: lo schianto è stato violentissimo.
L’animale – Aisha, una femmina di 8 anni – colpito alla testa, è morto sul colpo. Il conducente e il passeggero dell’auto sono rimasti feriti, pare in maniera non grave.
Sul posto i sanitari del 118, i carabinieri, la polizia stradale di Porto Recanati e i vigili del fuoco di Macerata. Le indagini sono affidate alla Polizia. Gli altri animali liberati sono stati tutti recuperati.
Sui camion del circo sono comparse delle scritte: “Animali liberi”. […]

*

Ippopotamo liberato dal circo muore investito da un’auto

da quotidiano.net

Macerata, 28 dicembre 2014 – Un ippopotamo  è stato travolto e ucciso la notte scorsa da un’auto dopo essere scappato da un circo. Ferito il giovane alla guida dell’auto, un 25enne di Montecassiano. E’ accaduto la notte scorsa a Villa Potenza di Macerata, dov’era accampato il circo Orfei. L’ippopotamo, una femmina di 8 anni, Aisha, del peso di 15 quintali, sarebbe stato liberato insieme ad altri animali in un blitz animalista.

L’animale è fuggito e si è ritrovato sulla strada provinciale 361, dove sopraggiungeva l’auto condotta dal 25enne, che non ha potuto fare nulla per evitarlo. Le condizioni del giovane non sono gravi la sua auto è distrutta. La recinzione del circo è risultata manomessa. Sul posto carabinieri, polizia, vigili del fuoco e i veterinari dell’Asur. Gli altri animali sono stati recuperati. Il proprietario del circo ha sporto denuncia.

Successivamente il personale del Servizio Cites del Corpo forestale dello Stato ha ispezionato il circo Orfei accampato al Foro Boario di Villa Potenza di Macerata per verificare la corretta detenzione dell’ippopotamo travolto e ucciso da un’auto dopo essere fuggito dalla struttura, e degli altri animali considerati pericolosi o a rischio di estinzione. Gli agenti forestali hanno verificato se il circo aveva l’autorizzazione prefettizia necessaria per detenere queste specie e la documentazione di regolare acquisizione prescritta dalla Convenzione di Washington. Sono poi state controllate le strutture di detenzione degli animali e la documentazione di tutti quelli presenti nel circo, in particolare 5 pitoni, 3 boa, una tarantola, 6 tigri. Il circo è risultato in regola.

Sulla vicenda è intervenuto Enrico Rizzi, segretario nazionale del Partito animalista europeo, prendendo con forza le distanze e condannando fermamente il gesto: ” Un conto è aprire le gabbie ed avere una minima speranza che quegli animali liberati possano avere possibilità di salvarsi, così come accaduto qualche giorno fa a Ravenna con la liberazione di ben 800 visoni, azione lodevole che il PAE appoggia in pieno, un conto è invece condannare a morte certa un animale. Chi ha fatto ciò deve vergognarsi perché sapeva benissimo che il povero ippopotamo purtroppo non avrebbe mai potuto avere una possibilità di sopravvivenza e che nella migliore delle ipotesi sarebbe stato catturato il giorno stesso e riportato all’interno della struttura circense, o ucciso durante la cattura. Giraffa Alexandre docet. I responsabili di quanto accaduto sono soltanto degli incoscienti che hanno tolto la vita ad un povero animale, già sfortunato di suo per essere stato costretto a vivere gran parte della sua vita all’interno di un circo solo ed esclusivamente per la follia e la crudeltà dell’essere umano “.

28/12/2014 22.01.25

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.