Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

DON LUCIANO CANTINI, RICORDO DI WALLY TOGNI CASARTELLI

33

DON LUCIANO CANTINI, RICORDO DI WALLY TOGNI CASARTELLI

Dalla Mingrantes alla sua Livorno, Don Luciano é sempre vicino al mondo del Circo e non può dimenticare i momenti trascorsi con i circensi, queste righe che proponiamo sono dedicate a Wally Togni Casartelli.

 

QUELLA CAROVANA

È in mezzo alle altre, quella carovana, non è la più lussuosa neppure la più tecnologica. È una di quelle carovane all’antica, solida di ferro e legno. L’arredamento sobrio, le foto di famiglia alle pareti, intorno i divani e nel mezzo un tavolo, non grande ma pronto a diventarlo perché quella carovana non è soltanto la casa della mamma e nonna, ma la casa di tutti.
Nel cucinotto dietro la sala da pranzo le figlie si danno gran da fare a preparare il mangiare per … è difficile dirlo perché quel tavolo è sempre affollato  dalla famiglia, gli amici e gli ospiti. Anche i figli e nipoti che
mangiano nelle loro carovane alla fine si ritrovano in quella carovana per prendere il caffè e scambiare quattro chiacchiere.
Ci sarebbe da domandarci quanti litri di caffè sono stati preparati negli anni in quella carovana e versati nelle preziose tazzine. Quanti personaggi del circo italiano e internazionali, o del mondo dello spettacolo, si sono
seduti su quel divano e bevuto quel caffè.
Quella carovana era il centro propulsore del circo e non c’è stato sviluppo, cambiamento, novità che non sia passato da quella carovana. La Signora Wally era informata su tutto e di tutto anche quando l’età avanzata la
rendeva più silenziosa e appartata. Ma quello era anche il suo stile che l’ha resa adorata e coccolata da figli e nipoti, generi e nuore.
Capitava specie nel pomeriggio, mentre la carovana era affollata di persone, che un segnale nascosto, un invito bisbigliato invitava i presenti a uscire e in quella carovana ormai sgombra di piatti e vassoi, con il tavolo
tornato alle sue dimensioni normali, che la signora Wally tirasse su le gambe sul divano e si accoccolasse per un po’ di riposo. Il vociare diventava silenzio, le voci raggiungevano altre carovane ma quella carovana è e rimane il centro del circo, la sua anima.   Noi continuiamo a immaginare la Signora Wally sul suo divano, addormentata e dal suo sonno guidare ancora la sua famiglia, il suo circo e sorridere ai tanti nipotini.

13/02/2014 13.29.00

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.