Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Chivasso. 150 mail di protesta al sindaco per il circo

FESTIVAL DI LATINA

Emanuele Sappé ci segnala un articolo apparso sul giornale locale La Voce del Canaves utile non tanto per riferire sulla ormai costante e fastidiosa campagna di accuse verso il circo, bensì per chiarire che gli animali di Aldo Martini, secondo molti articoli apparsi nei giorni scorsi “sequestrati”, in realtà sono rimasti al circo dopo che l’accusa è stata respinta dal giudice. Altro dettaglio, i controlli effettuati a Chivasso invece hanno mostrato la regolarità degli animali, o per lo meno non hanno confermato i capi di accusa. Un po’ di vera informazione alle volte non guasterebbe.


Chivasso. 150 mail di protesta al sindaco per il circo

Chiedevano di fermare lo show per presunte vicende di maltrattamenti sugli animali. Le proteste dei cittadini hanno anticipato l’arrivo in città del Circo Martini. La denuncia per maltrattamenti sugli animali che ha portato la Procura di Monza ad aprire un fascicolo nei confronti di Aldo Martini, proprietario del circo Pantera Rosa, non ha fermato lo spettacolo che da giovedì è andato in scena in piazzale Libertini. E a nulla sono servite le oltre 150 email inviate da cittadini furibondi all’indirizzo del sindaco, Libero Ciuffreda, e dell’assessore al commercio Claudia Buo, con l’intenzione di bloccare il tanto discusso show. A scatenare le proteste sarebbero proprio quelle contestazioni per maltrattamento degli animali che compongono il piccolo zoo del Circo. Secondo le accuse il recinto in cui vengono custodite la tigre Raya e il leone Simba, sarebbero troppo piccoli, i rettili malnutriti, e l’acqua della vasca degli alligatori troppo fredda. Accuse che hanno portato la Procura a chiedere il sequestro degli animali, richiesta respinta dal Giudice che ne ha affidato la custodia allo stesso Aldo Martini che ha, però, l’obbligo di tenerli a disposizione della magistratura. Nonostante le richieste di bloccare lo spettacolo presentate dagli animalisti, il sindaco ha deciso che lo spettacolo doveva andare avanti. E così è stato. Il Comune, infatti, non può emettere ordinanze che vadano a bloccare un tipo di spettacolo ammesso dalla legge italiana. “Un conto è il dibattito sull’opportunità di effettuare questo genere di spettacoli – commenta Ciuffreda – altra cosa è il rilascio delle autorizzazioni. Noi non possiamo che vigilare effettuando tutti i controlli richiesti dalla legge”. Mercoledì scorso la commissione composta da Asl e Polizia Municipale ha effettuato i controlli di routine all’interno del Circo, senza riscontrare alcuna anomalia, neppure tra gli animali che sarebbero stati oggetto di maltrattamento. Aldo Martini, titolare del Circo Pantera Rosa, ha parlato di accanimento da parte degli animalisti: “Li invito a trascorrere un mese con noi – sbotta Martini – metto a loro disposizione una roulotte. Solo così potranno vedere come trattiamo i nostri animali. Quest’accusa di maltrattamenti è infamante. Appartengo ad una famiglia di circensi da cinque generazioni. Facevo il domatore, da qualche mese sono diventato imprenditore mettendo su questo Circo. In questa attività ho investito 560 mila euro, lavorano per me 80 dipendenti. Gli animali fanno parte di questa grande famiglia. Lavorano solo cavalli e cammelli. Il leone la tigre, l’istrice, i rettili e gli altri animali, fanno solo parte del piccolo zoo che segue lo spettacolo. Queste accuse stanno provocando alla mia attività un terribile danno d’immagine. Non capisco il perché di tanto accanimento”. Domenica pomeriggio un gruppo di animalisti del vercellese ha presidiato di fronte all’ingresso del Circo Martini, mentre famiglie con mamme, papà e bambini entravano per lo show. Oggi, il Circo “sbaraccherà” e si trasferirà, con il suo seguito di polemiche, in un’altra città.

Da La Voce del Canavese

20/11/2012 7.09.53

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.