Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa:Circo della Pace 2 il Sindaco rispode

FESTIVAL DI LATINA

Cronaca, Bagnacavallo Circo della pace, il Comune: “Nessuna spesa folle né maltrattamenti”


Dopo l’interpellanza presentata da Samantha Gardin, consigliere Lega Nord-Pdl, l’amministrazione comunale di Bagnacavallo è intervenuta per alcune precisazioni sul Circo della pace. “La Gardin – affermano – continua faziosamente a sollevare quesiti ai quali ha già avuto, da mesi, ampie e documentate risposte sia nel corso di alcuni dibattiti consiliari sia tramite la visione diretta e la consegna di tutti gli atti deliberativi inerenti il Circo della Pace e di dettagliata documentazione, comprese le copie delle fatture dell’ultima edizione”.

“Il Comune di Bagnacavallo – proseguono – non ha mai acquistato un tendone o chapiteau da circo per diverse ragioni che ne evidenziano la non economicità. In primo luogo perché ogni anno è stata utilizzata una struttura diversa commisurata al tipo di spettacolo da ospitare: il noleggio consente di poter utilizzare, di volta in volta, quella più adatta alle esigenze. Inoltre uno chapiteau richiede personale specializzato per il montaggio, la manutenzione e l’assistenza, ma non solo: occorrono spazi di rimessaggio, un uso continuato che ne eviti il deterioramento e, soprattutto, l’adeguamento continuo alle normative di sicurezza. Sarebbe un investimento sbagliato e antieconomico in quanto solo i circhi professionali, dai quali lo chapiteau viene noleggiato, offrono strutture idonee, aggiornate, con la corretta manutenzione e sicurezza che serve alla tutela di tutti: spettatori e artisti”.

“Per quanto riguarda la somma di 10 euro versata giornalmente ai ragazzi, si tratta di un pocket money che potevano utilizzare per le piccole spese quotidiane, in quanto l’ospitalità degli artisti comprendeva già vitto, alloggio e altri benefit come gite, abbigliamento, trucchi e quant’altro offerto generosamente dalle associazioni e dalle famiglie di Bagnacavallo: non si è trattato quindi di un compenso o di una paga, come qualcuno ha strumentalmente e faziosamente ventilato”.

“Il Comune di Bagnacavallo, con il Circo della pace, ha dato alle scuole di circo per ragazzi di strada l’opportunità di raccogliere fondi per l’attività didattica, formativa e di avviamento professionale. Tutti gli incassi delle rappresentazioni sono stati devoluti all’associazione ospitata, dapprima Parada di Bucarest, poi Sarakasi di Nairobi e, nell’edizione 2009-2010, ‘Circo Para Todos’, alla quale è stata devoluta la somma di ben 33mila euro”.

“Non ci risulta proprio che si siano verificati episodi di maltrattamento a danno di qualcuno ma, al contrario, abbiamo ricevuto e continuiamo a ricevere attestazioni di stima per la capacità di avere espresso solidarietà e collaborazione, non con parole ma con azioni concrete e quotidiane da parte della città, delle sue associazioni e organizzazioni, come risulta da una lettera del 7 gennaio 2010 di Felicity Simpson (nella quale sottilinea “collaborazione” e “professionalità” da parte degli enti ospitanti, ndr), fondatrice della prima scuola professionale di Circo per ragazzi di strada e presidente della Fondazione ‘Circo Para Todos’ in Colombia”.

“L’assistenza sanitaria e i farmaci prescritti, qualora necessari, sono sempre e solo stati garantiti da medici di base di Bagnacavallo che, volontariamente, hanno prestato assistenza sia presso i loro ambulatori privati che nei luoghi di ospitalità dei ragazzi. L’amministrazione comunale ha scelto di organizzare l’iniziativa nel periodo natalizio, in quanto si tratta di una manifestazione di pace e solidarietà in assoluta sintonia con lo spirito cristiano del Natale, nonché di collocarla nella piazza principale di Bagnacavallo. Si tratta di un appuntamento in grado di attrarre pubblico anche da fuori città e costituisce una concreta opportunità di incontro fra le persone”.

lugonotizie.it

26/10/2010 20.52.50

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.