Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa:Circo della Pace 1 interpellanza Lega Nord

FESTIVAL DI LATINA

due articoli di stampa in merito ad una interpellanza sul Circo della Pace di Bagnacavallo (Ra)

Circo della Pace, La Lega Nord interpella ancora il sindaco

CONTINUA a Bagnacavallo il dibattito sul Circo della Pace previsto in piazza nel periodo natalizio. Interviene ora di nuovo la Lega Nord, con un’interpellanza di Samantha Gardin. Nel documento viene citata «la posizione espressa da Antonio Gavelli, presidente di una delle più importati associazioni di Bagnacavallo, che ha manifestato la sua contrarietà allo svolgimento Circo della Pace nei termini e nei modi previsti dal Comune» e dunque chiede al sindaco Laura Rossi: «Di conoscere il costo dell’affitto del tendone nelle prime due edizioni di sapere per quale ragione non si è cercato di acquistare un tendone usato, considerato il forte risparmio per le casse pubbliche che ciò avrebbe comportato quale società ha fornito a noleggio il tendone nelle passate edizioni e per quella ventura se l’amministrazione comunale fosse al corrente del vergognoso trattamento economico e lavorativo denunciato dall’associazione e come intende evitare tali disagi se non si voglia verificare l’esistenza degli estremi per effettuare denuncie penali e civili contro i responsabili di tali maltrattamenti se non si ritenga di spostare il Circo fuori città, o almeno in periodo primaverile, al fine di risparmiare carburante e quindi inquinare meno e rendere più umano il trattamento degli artisti».
I.m.

il Resto del Carlino_ cronaca di Lugo

_ _ _

Bagnacavallo, PoliticaBagnacavallo, una nuova interpellanza della Lega Nord sul “Circo della Pace”

“Continuare a chiamare questo circo  “della pace”  anche dopo le sconcertanti rivelazioni del Presidente del Comitato Amicizia e Solidarietà e di suo figlio sui retroscena degli spettacoli, onestamente mi dà il voltastomaco – scrive in un comuniocato Giovanni Calisesi della Lega Nord di Bagnacavallo – Il comunicato delle 14 associazioni che scrivono con un’apparente ingenuità: “non capiamo perché si voglia cercare di fermare questa bellissima iniziativa..”  lascia allibiti. Ma dov’erano questi volontari quando gli artisti colombiani venivano obbligati a turni massacranti, tanto da doversi “impasticcare” per resistere a freddo e fatica?”

“Le denunce dei Gavelli sono cose molto serie, pongono seri dubbi anche riguardo la spesa di denari pubblici (tendone affittato al prezzo di acquisto di un buon usato certificato) oltre che di trattamenti disumani di persone, che se venissero adottati da un qualunque nostro imprenditore locale, giustamente verrebbe “lapidato” dai sindacati!

Non mi sembra invece di aver letto nel loro comunicato sulla stampa di alcun dubbio, o sconcerto, o volontà di volere indagare o capire meglio. Né tantomeno di solidarietà verso chi ha avuto il coraggio di dire “il Re è nudo!”.
Un atteggiamento compatibile forse con un freddo partigianato politico, di chi ha e si vuole tenere il prosciutto sugli occhi e dentro le orecchie, per non voler vedere né sentire, e continuare a sentirsi “protetto” dal potere, pur logoro, imperante. Paradossalmente  in nome di un auto-dichiarato volontariato sociale si è pronti a nascondere, sminuire  o non considerare scomode verità.

Il nostro Consigliere Samantha Gardin ha presentato una nuova interpellanza al Sindaco per avere maggiori informazioni sulle passate edizioni di questo circo, e torneremo senz’altro su questa vicenda che puzza sempre più di marcio” conclude Calisesi.

lugonotizie.it

 

26/10/2010 20.48.00
 

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.