Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Una Venere nera tra le polemiche

TANTI AUGURI CRISTEL TUCCI

Una Venere nera tra le polemiche

Il regista di Venus noir, Abdellatif Kechiche, accusa Sarkozy. “Il razzismo che si vede nel mio film non è poi così lontano da quel che succede oggi”

Anna Maria Speroni

 

Saartjie “Sarah” Baartman aveva 21 anni quando nel 1810 fu portata dal suo padrone dal Sudafrica a Londra. Era alta un metro e 35 centimetri, aveva natiche enormi e per alcuni anni fu esibita come “freak” nelle fiere e nei circhi. Morì a 25 anni, forse di vaiolo, forse di sifilide o polmonite. La storia della Venere ottentotta è raccontata da Abdellatif Kechiche in Venere nera, in concorso a Venezia dopo le dichiarazioni polemiche del regista contro Sarkozy: “La sua politica è spaventosa” ha detto. “Sta usando dei procedimenti che richiamano grandi catastrofi della storia recente d’Europa”. Il riferimento è alle decisioni prese dal presidente francese sui rom. Il razzismo che si vede in Venere nera, afferma Kechice, non è poi così lontano da quello che succede oggi. Polemiche a parte, buona parte di pubblico e critici spera che Kechiche vinca, almeno come “risarcimento” per il mancato Leone al suo Cous cous nel 2007 (vinse Ang Lee con Lussuria). Il regista è nato nel 1960 a Tunisi ma è cresciuto a Nizza. Venere nera è il suo quarto film da regista (è anche attore e sceneggiatore). Spesso sceglie attori non professionisti, o comunque alla prima esperienza: come Yahima Torrès, la Venera nera, incontrata per caso a Belleville, Parigi, durante le riprese di Cous cous.

 

 

annamaria.speroni@rcs.it

 

Da www.leiweb.it del 09/09/10

09/09/2010 21.54.59

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.