Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: «Basta soldi ai circhi che usano animali»

FESTIVAL DI LATINA

Le nuove norme hanno il sostegno di Lav ed Enpa. Ma i circensi non ci stanno

«Basta soldi ai circhi che usano animali»

Giammanco, prima firmataria di una legge bipartisan: «Sì agli spettacoli, ma ad esibirsi siano solo persone»

 

Un'esibizione circense con elefanti:  una nuova proposta di legge prevede di togliere i fondi ai circhi che fanno ricorso agli animali
Un’esibizione circense con elefanti: una nuova proposta di legge prevede di togliere i fondi ai circhi che fanno ricorso agli animali

ROMA – Cresce nel Paese l’avversione all’utilizzo degli animali all’interno di circhi e spettacoli viaggianti. E mentre alcuni sindaci hanno già provveduto ad emanare in proprio normative specifiche che vietano l’insediamento dei tendoni dei circensi nei propri territori qualora sia previsto l’utilizzo di animali in scena, è ora il Parlamento che sceglie di mettere mano alla materia con l’obiettivo di arrivare ad una progressiva, ma anche piuttosto rapida, scomparsa dei circhi equestri. Mai più imprese di domatori o parate di elefanti ballerini, dunque: il futuro del circo dovrà essere tutto nelle mani di clown, acrobati e trapezzisti.

NORME BIPARTISAN – E’ la deputata del Pdl Gabriella Giammanco la capofila di questa mobilitazione di parlamentari che, provenienti da tutti gli schieramenti, stanno lavorando ad un progetto di legge che metta la parola fine alla presenza di bestie più o meno feroci nelle piste e nelle gabbie dei circhi italiani. A sostegno dell’iniziativa ci sono anche la Lega Antivivisezione e l’Ente nazionale per la protezione animali, che da tempo si battono per una evoluzione dell’arte circense che come già avviene in molti casi, l’esempio più eclatante è quello del Cirque du Soleil, riesce a ottenere un grande successo anche facendo a meno degli animali. Non a caso i presidenti delle due associazioni erano presenti alla Camera alla presentazione ufficiale delle nuove norme. E con loro anche due personaggi conosciuti al grande pubblico e da tempo impegnati sul fronte della tutela degli animali: Licia Colò e Giorgio Panariello.

Un'altra immagine di elefanti costretti ad esibirsi in un circo (Reuters)
Un’altra immagine di elefanti costretti ad esibirsi in un circo (Reuters)

CIRCHI SENZA ANIMALI – «Questa proposta non è contro gli spettacoli circensi – ha detto l’on. Giammanco -, ma oggi il circo sopravvive grazie allo Stato che lo finanzia e penso che proprio quest questa ragione etica debba rispettare gli animali e la loro natura». «Il circo senza animali – secondo la parlamentare – non solo è possibile ma è necessario per recuperare un rapporto tra uomo e natura, tra bambini e animali».. In base alla nuova normativa, il cui iter è al momento alle fasi iniziali (il testo è all’esame della commissione Cultura che sta provvedendo a recepire le norme analoghe contenute in altre proposte di legge già giacenti in Parlamento), le risorse del Fondo unico per lo spettacolo andranno solo ai circhi e agli spettacoli viaggianti che non utilizzano animali. Non solo: si prevede di vietare l’ingresso in Italia ai circhi stranieri che contemplano l’utilizzo di animali e si annuncia l’istituzione di una commissione presso il ministero dell’Ambiente, che si occupi di gestire la dismissione graduale degli animali già attualmente «in servizio» nei circhi, occupandosi di individuare le migliori sistemazioni alternative.

PANARIELLO E COLO’ – «Finalmente si fa qualcosa – ha detto Panariello – e questo non sighificherà perdere lo spettacolo, basta appunto guardare al successo del Cirque du Soleil, che dimostra come si possa vivere di circo anche senza animali». «Ho avuto la fortuna di vedere gli animali in natura – ha detto invece Licia Colò – e anche se alcuni grandi circhi dicono che gli animali sono un bene prezioso, il fatto stesso di averli privati della libertà è sufficiente a farmi sostenere che non debbano essere impiegati».

LA POSIZIONE DEI CIRCENSI – E l’idea non sarebeb poi così lontana dal tradursi in realtà: «Il mondo del circo ha già compiuto il 90% del cammino in questa direzione» ha detto Antonio Buccioni, vicepresidente Agis. Tuttavia l’ente circhi continua a sostenere la bontà della presenza degli animali negli spettacoli e nel proprio sito Internet dedica un’apposita sezione alla questione, spiegando come le moderne tecniche di addestramento e le condizioni di vita degli animali utilizzati negli show siano orientate al loro benessere psico-fisico. Una tesi opposta a quella che ha ispirato la legge, richiamata anche nella premessa del provvedimento, dove si legge tra l’altro che l’uso di animali ha confinato i circhi «nel vicolo dell’anacronismo»: «Per la loro intera esistenza – è scritto nella pdl 1564 presentata alla Camera lo scorso 30 luglio – gli animali sono obbligati in angusti spazi, in molti casi con l’ausilio di mezzi coercitivi, quali le catene, tipici dei peggiori orrori della tortura. Da tale deplorevole situazione gli animali sono svincolati solo per eseguire a comando, spesso sotto il giogo della frusta, esercizi contrari alla loro natura. La violenza perpetrata nei confronti degli animali è continua, dalle condizioni di detenzione al trasporto in container per finire con l’addestramento finalizzato a soggiogare l’animale alla volontà dell’uomo». E ancora: «Per imparare gli esercizi dello spettacolo gli animali subiscono addestramenti basati su violenze fisiche e psichiche che mortificano la loro natura». Di qui la decisione di mettere in atto un forte deterrente, forse l’unico realmente efficace, alla continuazione di tali pratiche: il taglio dei contributi statali.

A. Sa.
24 novembre 2008

da: “Corriere della Sera”, 24/11/2008

25/11/2008 9.30.52

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.