Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

“CIRCO MARINO: Circensi scarcerati, crolla l’inchiesta baby-schiave”

FESTIVAL DI LATINA

“CIRCO MARINO: Circensi scarcerati, crolla l’inchiesta baby-schiave”

Crolla l’inchiesta sulla presunta riduzione in schiavitù di una famiglia bulgara in un circo equestre. Crolla l’impianto accusatorio, cancellata ogni accusa con una doppietta del tribunale del Riesame che sconfessa inquirenti ed investigatori: l’ordinanza di custodia cautelare per il blitz delle baby schiave è stata annullata. Ieri, il secondo annullamento dopo che il Riesame aveva, a metà aprile, annullato la prima ordinanza del gip di Sala Consilina. Tornano in libertà il titolare del circo Marino Enrico Ingrassia, il figlio William e Gaetano Belfiore, genero del titolare del circo, oltre che Stefania Ingrassia finita successivamente agli arresti domiciliari. Ora gli avvocati difensori (Maria Grazia Pomposelli, Michele Spina e Giuseppe Rizzi) sono in attesa delle motivazioni del clamoroso provvedimento. Furono i carabinieri della compagnia di Eboli ad arrestare i tre uomini dopo un servizio investigativo concluso con la presenza al circo, in borghese e con le famiglie nel giorno del blitz. La notizia fece il giro del mondo: schiavismo in un circo equestre. I tre arrestati, con ordinanza del giudice per le indagini preliminari di Sala Consilina, Rosaria Morrone, finirono in carcere con l’accusa di riduzione in schiavitù, reato di competenza dell’Antimafia salernitana. In manette finirono il titolare Enrico Ingrassia, il figlio William e Gaetano Belfiore, genero del titolare del circo. Il fermo dei carabinieri di Eboli fu convalidato dal gip di Sala Consilina (Petina è territorio di competenza di quel tribunale) ma subito dopo gli atti furono trasmessi alla procura antimafia di Salerno con l’ipotesi di reato di riduzione in schiavitù e tratta di esseri umani. I tre, difesi dagli avvocati Giuseppe Rizzi e Maria Grazia Pomposelli, chiesero di essere rimessi in libertà. Ma c’era il racconto agli investigatori e agli inquirenti di di Belicka e Magda, le due ragazze costrette a numeri «pericolosi» nel circo Marino presso il quale avevano trovato occupazione anche i genitori. Al Riesame c’è stata la verifica delle accuse. Tutto crollato.

Da “Il Mattino”

08/05/2008 15.47.05

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.