Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Circo degli orrori: lo Stato lo ha finanziato

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Circo degli orrori: lo Stato lo ha finanziato

 

Secondo l’Enpa, il circo che schiavizzava la famiglia bulgara ha ricevuto 37mila euro

 

Lo Stato ha riconosciuto una funzione sociale anche al circo con gli schiavi bulgari. Grazie a una normativa vecchia di 40 anni, i piccoli impresari circensi arrestati ieri a Petina (Salerno) dai carabinieri, hanno ricevuto quasi 1.000 euro al mese dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ossia il necessario per permettersi la paga da fame dei suoi lavoratori-schiavi. Lo rende noto l’Enpa in un comunicato che prosegue: “il circo in questione ha percepito nel 2003 la somma di 9.500 euro a titolo di contributo per le attività in Italia nel incassato, sempre dallo Stato, 9.500 euro, diventati 10.000 nel 2005 nel 2006 invece (ultimo anno per il quale sono disponibili i dati) la struttura ha percepito il contributo di 8.000 euro”.
Nella sua nota, l’Enpa puntualizza che pochi anni fa i responsabili di questo circo furono arrestati dai Carabinieri di Arezzo, su mandato della Procura della Repubblica di Bergamo, con l’accusa di avere ridotto in schiavitù dei lavoratori indiani destinati al mantenimento degli animali.
Recentemente è stato condannato in primo grado anche per maltrattamento di animali ma ciò non gli ha impedito di aver presentato domanda per i contributi per l’anno corrente.
L’Enpa denuncia il sistema contributivo italiano che tiene in vita l’obsoleto circo con animali (e non) prigionieri. E’ facile notare che tutti questi lavoratori schiavizzati, siano legati al circo “aguzzino”, proprio perché incaricati del mantenimento degli animali. Questi ultimi, schiavi anch’essi, continuano a rimanere nelle gabbie circensi, non per l’afflusso di pubblico (in realtà crollato rispetto a soli pochi decenni addietro) ma bensì per i cospicui contributi pubblici.
“Lo scorso dicembre – ha dichiarato Giovanni Guadagna, Responsabile Ufficio Cattività dell’Enpa – proprio nella stessa provincia di Salerno di Finanza bloccò una organizzazione criminale di pugliesi e campani in combutta con elementi malavitosi bulgari, specializzati nella tratta di circa 400 cittadini della stessa Bulgaria. Tra gli imprenditori risultò un altro piccolo circo il quale, appena l’anno prima, aveva avuto riconosciuto dallo Stato una incredibile funzione sociale concretizzatasi in 20.000 euro di contributo per l’attività in Italia.”

 

Da www.vita.it del 26/03/08

 

L’articolo qui riportato contiene gravi inesattezze e confusione tra circhi. Si parla infatti di arresti, mandati di cattura e condanne relative ad altri fatti di cronaca che coinvolsero altre persone ed altri circhi diversi anni fa. Ancora una volta ci troviamo di fronte ad articoli scritti frettolosamente senza verifiche delle fonti con il solo intento di aumentare il clamore su un fatto sul quale al momento non ci sentiamo di pronunciarci, non conoscendo i dettagli, ma che dal punto di vista mediatico denota distorsioni.

DD

27/03/2008 10.21.24

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.