Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: «Le sorprese dell’American Circus»

FESTIVAL DI LATINA

FLAVIO TOGNI
«Le sorprese dell’American Circus»
Acrobati cinesi, il clown Davis, ballerine vestite da tigri per uno show «Bellissimo»

Debutta stasera (alle 21) a San Michele Extra il nuovo spettacolo dell’American Circus, che resta in città fino al 18 e poi partirà per il tour europeo. Il rinnovato show su tre piste, primo in Europa per grandezza, quest’anno vede esibirsi anche la sesta generazione dei Togni, la famiglia che da oltre 40 anni guida questo circo. A Flavio Togni, una delle star dello spettacolo con i suoi elefanti e cavalli, abbiamo chiesto come sarà il nuovo spettacolo.
Cosa dobbiamo attenderci?
Teniamo molto al giudizio del pubblico veronese perché è un pubblico molto preparato e la sua risposta ci aiuterà a perfezionare lo spettacolo, che si intitola ancora Bellissimo ma è molto diverso dal precedente.
Lo show si annuncia, come da tradizione Togni, con numeri di alto livello e grande cura dei dettagli. In scena ci saranno 13 elefanti, 35 cavalli, 350 tra artisti e tecnici: perché l’esordio proprio qui?
Non potevamo debuttare che a Verona, dove c’è la nostra casa, la sede operativa del circo, l’Accademia d’arte circense dove studiano i nostri figli. Siamo certi che la città accoglierà con entusiasmo questo spettacolo, che abbiamo preparato con cura.
Quali sono i punti di forza dello show?
Una nuova strepitosa troupe acrobatica cinese, il clown Davis Vassallo con un repertorio rinnovato, i cavalli arabi e i rari albini Aakal Tekkè, le coreografie di Laura D’Angelo e di Claude Legermuller, gli effetti speciali e naturalmente i miei elefanti, questa volta in una ambientazione africana, montati da ballerine vestite da tigri.
Ma come fa a variare ogni volta le coreografie degli elefanti? Loro accettano questi cambiamenti?
Ormai sono compagni di vita. Li ho abituati gradualmente a lavorare in pista, senza forzature, senza violenza, e si è instaurata una complicità che adesso mi permette di osare di più. Ma ogni volta che cambio qualcosa devo comunque rispettare i loro tempi.
In pista scenderanno anche i piccoli Togni. Un’emozione per voi genitori?
Una soddisfazione enorme: per tre di loro, mio figlio Bruno di 11 anni, con Enis e Claudio, figli dodicenni di mio fratello Daniele, sarà un vero debutto nei cavalli in libertà. Con l’altra mia figlia, Adriana, e ai figli di Andrea Togni, direttore dell’Accademia, Michael e Dario, faranno i “Tognetti”, numero comico di acrobatica old style. Ma solo a Verona e nei fine settimana, perché devono andare a scuola e non possono seguirci in tournée. Ci raggiungeranno per le vacanze natalizie, a Firenze, dove saremo al Mandhela Forum.
Che però non è uno chapiteau…
È un grande palasport polivalente. Per noi non è una novità perché quando abbiamo iniziato nel 1963, portavamo lo spettacolo nei palasport e solo dopo siamo passati al tendone

Da “L’Arena”

08/11/2007 14.43.36

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.