Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: A Brescia dal 15-06 torna il Festival del Circo contemporaneo

FESTIVAL DI LATINA

Presentato a Roma il cartellone dell’ottava edizione della rassegna: spettacoli in Castello e al Parco di Mompiano dal 15 giugno al 5 luglio

 

Circo contemporaneo, è ancora Festa

 

A Brescia i grandi gruppi, gli «imperdibili», la nuova ricerca e numerose prime nazionali

 

di Francesco De Leonardis

Roma. Torna alla tradizione del Circo Contemporaneo, che si svolgerà a Brescia dal 15 giugno al 5 luglio. Dopo aver sperimentato lo scorso anno linguaggi e spazi più propriamente teatrali, che Gigi Cristoforetti ha ideato e portato al successo facendo della nostra città uno dei punti di riferimento del nuovo circo in Europa, torna ai grandi spazi aperti del Castello e alla festosa ambientazione del Parco Castelli di Mompiano per ritrovare la sua anima più autentica e popolare.
L’ottava edizione della manifestazione è stata presentata ieri a Roma nel corso di un incontro con la stampa, che si è tenuto nello splendido Palazzo Farnese, sede dell’Ambasciata di Francia in Italia, ospiti dell’ ambasciatore Yves Aubin de È questo il segno della particolare attenzione che gode da parte della Francia, il Paese dove il circo contemporaneo si è affermato come nuovo linguaggio dello spettacolo e da dove provengono, da sempre, le compagnie più interessanti della manifestazione.
All’incontro erano presenti Olivier Descotes, addetto culturale dell’Ambasciata, il sindaco di Brescia Paolo Corsini, il presidente di Brescia Musei Agostino Mantovani, e Gigi Cristoforetti.
Dopo i ringraziamenti doverosi a tutti quanti hanno collaborato al successo dell’iniziativa, Paolo Corsini ha voluto sottolineare come da un’intuizione lungimirante di Gigi Cristoforetti sia venuta una Festa che, in questi anni, si è affermata e ha conquistato riconoscibilità con la sua capacità di creare emozioni, suggestioni e passione in un pubblico sempre più attento, competente e numeroso. L’iniziativa viene così ad essere un tassello importante della politica culturale dell’Amministrazione, un momento di particolare valore anche perché, al di là della riappropriazione di linguaggi artistici della nostra contemporaneità, si pone come momento di aggregazione e di ricomposizione della città attraverso la cultura.
Gigi Cristoforetti ha poi illustrato i contenuti artistici della Festa, che si articolerà in due sezioni: nella prima troviamo i grandi gruppi più affermati che il pubblico bresciano ha già conosciuto e apprezzato nelle scorse edizioni e che propongono spettacoli che possono piacere a tutti nella seconda ci sono lavori più raccolti, che sperimentano linguaggi «mescolati», in cui il circo si può unire alla danza o al teatro delle marionette (è la novità di quest’anno).
Gli «imperdibili» sono «Notturno per musica e circo», nuova creazione del gruppo Cheptel Aleïkoum, formato da quindici artisti usciti dal prestigioso Centre National des Arts du Cinque. Sarà uno spettacolo itinerante che porterà il pubblico alla scoperta dei luoghi più suggestivi del Castello e che prevede sei performance degli artisti impegnati nelle diverse tecniche circensi. Un ponte tra tradizione e contemporaneità sarà «Sang et Or» del Cirque Zanzibar, una compagnia di diciotto acrobati e musicisti che giunge a Brescia per la terza volta e che si esibirà al Parco dei Circhi di Mompiano.
Nella sezione della «ricerca innovativa» spiccano i lavori della compagnia LàOù che presenta «1/Mitoyen», uno spettacolo che mescola corpi reali con marionette e immagini video, e degli svizzeri Zimmermann-de Pierrot (a Brescia è stato molto apprezzato il loro «Anatomie Anomalie») che porteranno alla Festa «Gaff Aff», dove un disco di vinile si trasforma in pista da circo e gli interpreti mettono a nudo la fragilità dell’uomo moderno.
Completano il cartellone «Bistouri» del belga Tof Thèâtre e «» di Javier Garcìa Teba.
Nel corso della Festa ci sarà un week-end speciale, venerdì 22 e sabato 23 giugno, che consentirà al pubblico di vedere insieme tutte le proposte più interessanti e che prevede anche un convegno internazione sul tema « e », seguito ideale del primo incontro sull’argomento tenuto nel 2002 alla Biennale di Venezia.
del Circo Contemporaneo ha il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Lombardia, di Culturesfrance, del Centre Cultural Français de Milan e dell’Ambassade de France en Italie. Gli sponsor sono , Freccia Rossa, Fineco Leasing e Marsh Spa.

 

Da BresciaOggi del 18/04/07

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.