Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Mestre, Un festival diffuso

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Mestre
Un festival diffuso. …

 

Un festival diffuso. Cento spettacoli, quattro cartelloni, ventotto comuni coinvolti. A far da regia la Provincia che ha investito 250mila euro su una spesa complessiva di 550mila. Una grande rassegna che va da Chioggia a Mirano, da Portogruaro a Cavallino. Così tutto il territorio si garantisce nomi famosi e spettacoli d’eccellenza da giugno a settembre, con un’unica pausa durante i mondiali.

Quattro i filoni individuati nel territorio. Ecco “La terra dei Tiepolo” nell’area del Miranese, “Inchiostri” a Chioggia, Cavarzere e Cona, mentre il Portogruarese diventa “Venezia porta d’Oriente” e chiude il ciclo “Estate in Riviera”. Non si pensi a compagnie locali che propongono sul palco il saggio di fine anno. Ovunque, anche nel paese più piccolo e nella periferia più estrema della provincia, si hanno gli stessi nomi che calpestano palcoscenici prestigiosi in tutta Italia. Non ci si stupisca quindi di trovare Paolo Villaggio (nella foto) a Noale, Arnoldo Foa’ a Mirano, Lella Costa a Chioggia, Natalino Balasso a Meolo. Solo per citare alcuni nomi di un’interminabile lista di cento spettacoli. È l’occasione per vedere rappresentazioni che hanno fatto il tutto esaurito durante la stagione invernale. Ritornano infatti nel calendario estivo nomi già collaudati e applauditi. È possibile accaparrarsi un posto per le serate con Giuliana Musso, Maria Paiato, Mario Perrotta, Tiziano Scarpa, artisti rivelazione degli ultimi anni. Ma ci sono pure nomi “storici” come quelli di Gualtiero Bertelli e di Moni Ovadia. Oltre agli spettacoli nelle piazze e nelle antiche ville. Perché a far da palcoscenico non sono solo i tradizionali teatri. Anzi parchi, ville, auditorium e ex macello vengono recuperati in Riviera, i chiostri sono i grandi protagonisti di Chioggia, e sempre giardini e piazze la fanno da padrone anche a Portogruaro.

A Chioggia, Cavarzere e Cona si è lasciato spazio ai ragazzi, al circo e agli spettacoli sparpagliati per le città. In Riviera del Brenta si ha la collaborazione con la Biennale e sempre qui Fiesso d’Artico si è specializzato sul teatro di strada. A Portogruaro e Mirano si punta su compagnie affermate e nomi di spicco.

A presentare i ricchi calendari ieri c’erano Davide Zoggia presidente della Provincia, Nicola Funari, assessore alla cultura sempre della Provincia e Pierluca Donin, direttore di Arteven.

«Solo con un lavoro in rete siamo riusciti a garantire un progetto di qualità diffuso in tutto il territorio – spiega l’assessore Nicola Funari – crediamo molto in questa iniziativa per questo il 95 per cento del nostro bilancio lo investiamo nelle rassegne dei singoli Comuni. Un lavoro cresciuto nel tempo e che grazie alla regia della Provincia garantisce visibilità e qualità a tutti i Comuni di nostra competenza».

Raffaella Manuale

 

Da Il Gazzettino on line del 08-06-06

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.