Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: Bari, problemi per la costruzione della nuova piazza pe il mercato e il circo

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Dal consorzio «Le Città, i Mercati»

 

Rinnovato il no al trasferimento del mercato

 

La società consortile «Le Città, i Mercati» ha ribadito il proprio «no» al trasferimento del mercato settimanale del lunedì nella 167/nord (zona Inps). Il mercato ora si trova («sperimentalmente» da vent’anni) nei viali che costeggiano la villa comunale e lo stadio «degli ulivi». Il presidente de «Le Città, i Mercati», Michele Montaruli, ha dichiarato: «La zona prescelta è inadeguata a contenere 500 operatori che, con gli stand, occuperebbero un percorso lineare di cinque chilometri su un’unica fila. Questo provocherà l’impossibilità per i consumatori, soprattutto per quelli anziani, di ‘girare’ per l’intero mercato. Tale dislocazione e tale distanza provocheranno, inoltre, molti punti morti nel mercato e questo sarà un danno di visibilità e quindi economico e commerciale per gli operatori. Non solo: il mercato verrà interessato dalla circolazione delle auto e coinvolgerà una zona ad alta intensità abitativa con la presenza della pretura, di scuole, ufficio postale, l’Inps, il passaggio a livello, numerosi svincoli stradali: si tratta di situazioni che rendono chiaramente problematica l’attuazione del mercato nella nuova area indicata». Montaruli ha aggiunto: «Per sistemare la nuova area, e si tratta di interventi che in un quartiere vanno fatti indipendentemente dallo spostamento di un mercato, e cioè sistemazione dei marciapiedi, realizzazione di aree a verde, potenziamento della illuminazione, adeguamento della rete fognaria,verranno spesi circa 800 mila euro. Chiediamo: perché gli 800 mila euro non sono stati destinati, invece, a mettere in moto le procedure per attivare il Parco urbano polivalente, l’area attrezzata, cioè, destinata ad ospitare mercato, fiere, spettacoli viaggianti, circhi, giostre, sagre? Di questo Parco urbano si parla da tempo, ma in realtà sta diventando un’occasione perduta. La legge prevede che i mercati si possono spostare solo se vengono trasferiti in un’area attrezzata: noi stiamo per trasferire il mercato, provvisoriamente, in un’area ancora da attrezzare e, al contrario di quello che hanno attivato anche in città vicine alla nostra, non stiamo facendo ancora nulla per realizzare il Parco urbano polivalente. Per una città che possiede il più alto numero di operatori commerciali su aree pubbliche, cioè, come venivano chiamati prima, di ambulanti, il Parco sarebbe una soluzione da non mancare, invece si sta trasformando nella solita occasione mancata». Mp

 

Da La Gazzetta del Mezzogiorno del 27-04-06

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.