Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

VERGOGNOSO RAID VANDALICO CONTRO L’ACQUATICO ZOPPIS

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

LA SITUAZIONE STA SEMPRE PIU’ DEGENERANDO, DIVENTA SEMPRE PIU’ INCANDESCENTE. IN NOME DELLA “FEDE ANIMALISTA” SI ARRIVA A COMPIERE VERI E PROPRI CRIMINI IN DIFESA DEI “DIRITTI DEGLI ANIMALI”. E IL DIRITTO DELLE PERSONE A SCEGLIERSI IL LAVORO / LA VITA CHE PREFERISCONO NON CONTA? 
NELLE NEWS DI OGGI RIPORTIAMO DUE GRAVI FATTI DI INTOLLERANZA DA PARTE DEGLI “ANIMALISTI” O PSEUDO TALI. DI SICURO NON SONO UN BELL’ ESEMPIO DI TOLLERANZA / INTELLIGENZA …

CHE OGNUNO TRAGGA LE PROPRIE CONSEGUENZE !!!

 

AV

 

 

VERGOGNOSO RAID VANDALICO CONTRO IL CIRCO
06 Aprile 2006

 

 

 

 

Arezzo – Si è verificato nella notte del 5 aprile un vergognoso episodio di inciviltà che ben testimonia cosa si nasconde realmente dietro le “battaglie di civiltà” portate avanti da animalisti e compagnia brutta. Ignoti (ma è più corretto dire idioti) si sono scagliati col favore delle tenebre contro il Circo Acquatico Zoppis, che ha alzato le tende nell’Area Spettacoli Viaggianti di Via Arno – zona Esselunga – dove rimarrà sino al 9 aprile proponendo uno spettacolo acquatico di immenso fascino che si attesta come il più grande d’Italia. Vernice rosso sangue, uguale a quella con la quale due anni fa vennero imbrattate le vetrine delle pelliccerie e delle macellerie del centro storico, è stata utilizzata per tracciare sulle strutture d’ingresso farneticanti slogan avversi al mondo circense: “No al circo: gli animali non si divertono”, “Animali liberi”, “Circo uguale sofferenza animale”. I deficienti di turno poi non si sono limitati a questo: ad alcuni camion parcheggiati nel piazzale sono stati infranti i cristalli, spaccati i fari e persino il grande arco luminoso d’entrata è stato devastato per un danno economico pari a 2 milioni di Euro. Ferita la famiglia circense che ha dichiarato in un’intervista ad un noto quotidiano locale: “Questa azione ci ha colpiti moralmente. Noi trattiamo bene gli animali. Il nostro è un lavoro antico e con gli animali abbiamo un rapporto di rispetto e d affetto particolare. Ovunque andiamo le Asl si complimentano con noi per come li teniamo. Siamo perfettamente in regola con le normative vigenti ed ogni animale ha la sua cartella sanitaria. Si tratta di animali cresciuti in cattività e se messi in condizioni di vita diverse no sopravvivrebbero come sta avvenendo a Roma dove gli animali sequestrati recentemente in un circo stanno morendo uno dopo l’altro. Questo atteggiamento è inaccettabile ed incivile. Il dialogo la critica se costruttivi fanno bene e aiutano a migliorarsi. Il vandalismo è solo negativo”.
Sul posto hanno compiuto un minuzioso sopralluogo i Carabinieri a cui sono affidate le indagini, prime indiscrezioni dicono che la notte dell’attentato, attorno alle 3 e mezza sarebbe stata notata un’auto scura allontanarsi dal Circo. La matrice del vile gesto è con tutta probabilità da ricondurre a violente frange estremiste del movimento animalista che nel marzo 2004 devastarono pelliccerie e macellerie del centro città lanciando persino bombe artigianali contro le vetrine i responsabili in quel caso vennero arrestati ed il giorno del loro processo Arezzo venne assediata da centinaia di sbandati venuti da tutta Italia e fu solo grazie alla grande professionalità delle Forze dell’Ordine che l’esplosiva situazione non degenerò
Quello dei diritti degli animali dimostra sempre più spesso di essere un terreno che richiama esaltati senza arte ne parte facenti capo ad aree anarco-insurrezionaliste e no-global che sono pronti ad attaccarsi ad ogni pretesto pur di dare sfogo alla loro frustrazione ed alla loro voglia di distruzione.
D’altronde chi non è capace a realizzare nulla nella vita finisce sempre per avere come unico obiettivo quello di distruggere ciò che gli altri hanno creato…
Alla Famiglia Zoppis e a tutti i circensi Italiani va la nostra completa solidarietà.
Sito ufficiale: www.circoacquatico.com

 

Da www.findit.it del 06-04-06

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.