Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: A Napoli, Capodanno in piazza Plebiscito, con sorpresa

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

Capodanno tra fuochi, acrobati e concerti

 

CRISTIANO TARSIA Delineato ormai il cartellone di Capodanno. A condurre la serata in piazza del Plebiscito sarà Gino Rivieccio, presentatore e comico napoletano. Mentre la serata sarà aperta dagli artisti del Cirque du Soleil. Dopo, e questo era noto, ci sarà il concerto di Fiorella Mannoia. Quindi i fuochi a Castel dell’Ovo. Un ritorno, quello dello spettacolo pirotecnico, annullato lo scorso anno per il lutto dello tsunami che colpì l’Asia meridionale. «Abbiamo deciso – spiega l’assessore al turismo Luca Esposito – di affidare la serata a Rivieccio perché è napoletano e un nome di rilievo nel panorama nazionale dello spettacolo. È un ruolo delicato che siamo sicuri saprà svolgere al meglio». Apriranno quindi, come detto, «Auguri a Napoli» gli acrobati circensi del canadese Cirque du Soleil. Uno spettacolo che durerà quasi due ore da parte dei più famosi «saltimbanco» (ma in effetti sono veri e propri artisti del circo) del mondo. Dopo di che sul palco di piazza del Plebiscito, accanto alla struttura di Sol LeWitt che sarà inaugurata oggi alle 13, farà la sua comparsa Gino Rivieccio che traghetterà il pubblico verso il 2006. Brindisi in piazza e quindi il concerto di Fiorella Mannoia. Si conferma dunque lo spettacolo tradizionale di piazza del Plebiscito anche se il Capodanno mai come quest’anno sarà in tutta la città. Ci sarà la maxidiscoteca alla stazione Marittima mentre, oltre i già citati fuochi di Castel dell’Ovo, un altro punto di ritrovo sarà piazza Mercato dove Sal da Vinci e Luca Sepe, dalle 2, si esibiranno per la gioia delle migliaia di amanti della canzone napoletana. «Sarà la solita festa di Napoli – continua Esposito – anche se un occhio di riguardo lo daremo ai tanti turisti in questi giorni in città». La festa infatti continua anche il giorno dopo. «Abbiamo in programma due appuntamenti prestigiosi anche se d’elite – spiega ancora l’assessore al turismo – vale a dire, innanzitutto, il concerto di Capodanno della Nuova Orchestra Alessandro Scarlatti, che mancava da due anni, e poi il concerto dell’Accademia Mandolinistica Napoletana». La prima kermesse (dal titolo «Napoli e Vienna sotto il Vesuvio») è al nuovo teatro Acacia mentre la seconda è in programma al Trianon. Non solo Capodanno. Per tutto dicembre si sono inseguite le manifestazioni in città. Ad esempio oggi, a Santo Stefano e il 29 dicembre è in programma, presso la chiesa dei Santi Filippo e Giacomo, il concerto di Gianni Lamagna, manifestazione che rientra nel «Natale a Napoli, regaliamoci la città». Domani, alle piazza dei Martiri, ci sarà il concerto del quintetto soul a cappella californiano «Talk of Da Town». Quindi un altro appuntamento clou è quello del giorno di Natale al Duomo, alle 20, con il concerto di Natale dei Cantori di Posillipo. Musica anche in periferia, alla Chiesa di San Gennaro alla Sanità, con Carlo Morelli in «Happy Show con » (27 dicembre, ore 19), alla Cappella di Sant’Alfonso a Marianella, con concerti di zampogne e cori polifonici e strumentali (27, 28 e 29 dicembre, ore 19). Mentre il 30 dicembre, presso l’ospedale Cotugno I Solisti di Napoli terranno il «Concerto per il nuovo anno». Da segnalare il 5 gennaio, ore 21, al teatro San Carlo, il Concerto della Munchner Rundfunh Orchester diretta dal maestro Daniel Oren.

 

Da Il Mattino di Napoli del 23-12-05

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.