Circusfans Italia

IL PORTALE DEL CIRCO ITALIANO

Stampa: “Bari, Sì al circo con gli animali”

SUELLEN SFORZI NUOVA AVVENTURA IN …..

 

L’Embell Riva si era rivolto al Tar. L’assessore: «Per ora soprassediamo»

«Sì al circo con gli animali»

Il Comune prima vieta, poi fa retromarcia dopo un ricorso

«Niente spettacoli con animali». Un’ordinanza varata dall’assessorato all’Ambiente in piena estate rischiava di far sfumare due circhi che alzeranno il sipario il prossimo 23 dicembre. Il provvedimento, dopo il ricorso al Tar presentato dal circo «Embell Riva» è stato subito ritirato dall’amministrazione comunale. L’assessorato, in una nota diffusa ieri, fa sapere di aver deciso di «soprassedere» alla precedente ordinanza «in attesa di un regolamento che disciplini anche le attività di spettacolo degli animali». Tutto parte con la richiesta con una comunicazione che nega l’autorizzazione al circo «Embell Riva» per due ragioni: primo, perchè il suolo è già occupato secondo, perchè a Bari c’è un’ordinanza che vieta ogni tipo di esibizione di animali selvatici ed esotici, salvo l’adozione di una serie di criteri restrittivi che avrebbero reso impossibile gli spettacoli. Il problema del suolo è stato risolto perchè la direzione del circo (proprietà dei fratelli Bellucci) ha cambiato località (lungomare nei pressi Fiera) ottenendo la concessione dai proprietario. Per l’ordinanza di divieto di spettacoli con animali, il circo ha deciso di impugnare il provvedimento davanti al Tar. Nell’articolato ricorso, gli avvocati non solo spiegano gli iter normativi che stabiliscono i criteri per tutelare gli animali, ma allegano una serie di provvedimenti dei tribunali amministrativi (tra cui quello pugliese) che in passato avevano «cassato» ogni tipo di divieto. La difesa del circo è chiara: una cosa è la tutela degli animali (e non si discute), altra è l’adozione di norme «autonome» e restrittive. Applicando alla lettera la disposizione del comune, spettacoli con leoni, elefanti, cammelli e altre specialità sarebbero state un ricordo. Il Comune, dal canto suo, sventola una serie di criteri fissati dalla commissione scientifica Cites (costituita appositamente per occuparsi della materia) che nel 2000 ha elaborato una sorta di regolamento di indirizzo. Ma l’Embell Riva insiste e sostiene che a «comandare» sono le leggi dello Stato «che non vietano spettacoli con animali». Il Comune, dopo il ricorso al Tar (una coincidenza?) ha preferito fare un passo indietro e rinviare tutto a una fase successiva, coinvolgendo anche animalisti ed ente circhi. I circhi apriranno regolarmente. Nicola Pepe

06/12/2005 – “La Gazzetta del Mezzogiorno”

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi social utilizzando i bottoni che trovi qui sotto

Translate »
error: I contenuti sono di proprietà di www.circusfans.eu - Contents are owned by www.circusfans.eu.